• Braingasm, l'odore dei suoni.

    Braingasm, l'odore dei suoni.

    by Published on 11th June 2016 08:55  Numero di Visualizzazioni: 6164  
    "E' tutto diverso adesso. Sono sempre io, ma sono diversa da prima". La cantante si toglie le cuffie per aggiustarsi i capelli, quindi le indossa per l'ennesima volta. I suoi occhi cercano ancora una volta la concentrazione in un punto da qualche parte davanti a sé, poco oltre il microfono che si staglia difronte a lei con aria di benevola sfida.



    Registrazione voce

    Eppure non c'è tensione intorno, proprio no. La registrazione parte, di nuovo, e di nuovo la voce di Angela esce come la prima volta, ma qualcosa cambia. Un'improvvisa espressione si disegna sul suo viso, come a dire "succede ancora, cambia tutto, la mia voce!". E deve essere per forza vero, visto che adesso ha un microfono dalla forma e dall'aspetto differente che accoglie la sua performance. Prima era argentato, ora è nero. Il suo timbro le sembra avere tutto un altro odore, è passata da un suono pastoso e avvolgente ad uno definito e "in faccia". Si toglie le cuffie incuriosita e parliamo di quel che stiamo facendo al Lipstick Studio di Roma (qui la pagina Facebook): stiamo provando solo cinque dei molteplici microfoni che Braingasm ha in produzione, in sperimentazione o anche solo in fase di progettazione.

    Braingasm Lab

    Braingasm è l'"orgasmo mentale" nato da Teodoro Pizzolante, già noto nell'ambiente del web (e non solo) per le sue modifiche a microfoni economici che - pare - abbiano fatto urlare "si... può... fare!" (da leggere a mo' di "Frankstein Junior") a clienti soddisfatti e colpiti dalla competenza, la passione e l'idea di fondo del laboratorio Braingasm:
    "concepire e realizzare microfoni da studio di alta qualità ad un prezzo accessibile a tutti, attraverso processi di ingegnerizzazione degli schemi, selezione accurata dei componenti e lunghe sessioni di ear training e bench test in studio"
    come recita la mission sul suo sito/blog. E' lì che dovete andare per conoscere i retroscena delle sue origini e le sue attitudini tecniche. Noi, da qui, ci limitiamo a passare in rassegna quelli che sono cinque prodotti che risultano a prima vista ben costruiti e dall'aspetto solido. Si tratta di due modelli valvolari, liberamente ispirati agli storici Neumann U47 Tube e U67 e tre modelli FET, denominati Deluxe, che condividono lo stesso schema interno differenziandosi solo per le capsule, dalle quali ereditano i nomi. Si tratta dei modelli Deluxe 12, 36 e 47. Questi ultimi tre mi hanno sorpreso per certi aspetti che vedremo più avanti, ma adesso... riavvolgiamo il nastro e partiamo dalle impressioni analizzando via via tutti i microfoni in fase di test. Li collego al mio Millennia HV-3C per finire dritto nei convertitori della TC Electronic StudioKonnekt 48.

    Pronti? Ci vediamo alla prossima pagina, cliccate qui sotto e buona lettura.
    (Scarica qui il RAR con i samples a 48 KHz - 24 bit di questa recensione)
    - Link alla discussione sul forum -

    Segue:   Direzione U47