PDA

Visualizza Versione Completa : Isolamento acustico parziale?



astralis
21st January 2015, 17:33
Ho una sala dove realizzare il nuovo studio, solo control room - no riprese se non voce, raramente - e volumi di monitoraggio nella norma.
Considerando la necessità di doversi isolare solamente nella parte superiore per questioni di vicinato, dalla vostra esperienza sapreste dirmi se potrebbe un isolamento del solo soffitto essere sufficiente per lavorare con tranquillità, oppure è una soluzione assolutamente da escludere?
Vorrei capire se mi è possibile contenere i lavori allo stretto necessario.

Gracias!

cavaliereinesistente
22nd January 2015, 09:58
Vedi, purtroppo il suono è una brutta bestia... un po'come l'umidità. Isolare solo il soffitto può forse abbattere di qualche dB l'immissione nell'ambiente confinante, ma ad esempio ciò che viene trasmesso dalle pareti continuerà a salire dalla madama di sopra, ed il problema del suono, quando sommiamo o sottraiamo sorgenti, è la sua logaritmicità: supponi che l'immissione sonora nell'appartamento della signora Abelarda sia di 50dB SPL. Supponi che la quota parte che arriva dal soffitto/pavimento sia 6dB in più di quella dalla parete frontale (ovvero una pressione doppia). Fai una semplice equazioncina e scopri che all'incirca l'immissione dal solo pavimento è di 49dB e quella dalla parete di 43dB.
Supponi di isolare il soffitto abbattendo generosamente (e quindi spendendo parecchio), facciamo -30dB.
La nuova immissione sarà (49dB-30dB)+43dB = 43,spiccioli dB(A). Impegno notevole e risultato modesto.
Se isoli invece in maniera molto più blanda ed economica (poniamo -10dB) sia il soffitto che le pareti, otterrai un'immissione residua presso madama Abelarda di (39dB+33dB)=circa 40dB. Lavoro più esteso, ma più semplice ed economico, risultato migliore.
A questo punto devi valutare tu. Sarebbe però importante avere qualche informazione più precisa almeno sulla disposizione di appartamenti e pareti, perché io ho fatto solo supposizioni.

astralis
22nd January 2015, 22:35
Grande Cavaliere.
Hai spiegato benissimo il concetto.
Lo immaginavo, ma ci speravo almeno un pochino e volevo sincerarmi.
Diciamo che essendo un interrato, sotto e accanto non c'è niente e nessuno che posso disturbare.
Sopra invece c'è un appartamento.
Per quello che riguarda il pavimento invece, a tuo avviso posso trascurarne l'isolamento?

cavaliereinesistente
23rd January 2015, 10:35
In linea di massima sì, potresti trascurarlo; diciamo che se questo è meccanicamente connesso molto intimamente con le pareti che salgono (ad esempio è un'unica struttura a gabbia in cemento armato) e magari hai dei sub a pavimento, quota parte dell'energia sicuramente tenderà ad arrivare all'appartamento superiore anche da lì; ma per lo stesso principio di prima, il suo apporto all'immissione complessiva non sarà poi così determinante.
Hai una configurazione non dissimile dalla mia, che ho lo studio nel piano seminterrato: sopra alla control room ho la cucina, e sopra ancora la camera da letto di mia figlia. Il problema era il disturbo alla pulzella nelle sessioni serali, proprio per via di ciò che risaliva attraverso la parete frontale alla regia (dove ho anche un sub che spara a terra). In questo caso però ho risolto praticamente del tutto con una controparete non in studio ma in camera, sandwich di Ecorubber ad alta densità + cartongesso, ingombro minimo per un abbattimento medio teorico di -32dB(A), più che sufficiente a garantire il sonno della guerriera.

883884

Ovvio che non puoi farlo in casa della signora di sopra, ma potrebbe essere un'idea per il tuo soffitto e le pareti più critiche della tua control room. Spesa complessiva, se lo fai da te acquistando il materiale (io ho preso l'Ecorubber online e il cartongesso in un fai-da-te), circa 20€/mq.

cavaliereinesistente
23rd January 2015, 10:54
...per capirci, questa è la mia situazione:

885

astralis
23rd January 2015, 17:00
Chiarissimo.
Curiosità: come mai hai deciso di intervenire nella camera e non alla fonte, in CR?
Già che c'ero io avrei portato fuori anche le scatole portafrutti dell'impianto elettrico.

Grazie ancora Cavaliere!

cavaliereinesistente
23rd January 2015, 17:32
Dubbi legittimi ;)

1) era molto più facile trattare da zero una parete pulita, che non rinforzare il trattamento della parete frontale della CR, già trattata e soprattutto "agghindata" con piani inclinati, assorbenti e diffusori, monitor mid-field fissati a parete, eccetera

2) una parte significativa di ciò che si propagava fino al primo piano erano le basse proiettate a terra dal sub... quindi trattare il pavimento (che ad oggi è cemento armato + parquet flottante) avrebbe significato buttare tutto all'aria

3) la parete della camera da letto, dopo il trattamento, è stata completamente occupata da un armadio su misura (che visto quanto è costato dovrà durare in loco almeno 600 anni ;) ). Questa è anche la ragione per cui ho inglobato lo zoccolino nel sandwich senza patemi. Le prese elettriche sarebbero rimaste comunque lì dietro inutilizzate, ho preferito quindi ritagliare un rettangolino ciascuna sia di ecorubber che di cartongesso per renderle ispezionabili e raggiungibili in un futuro remoto, dopodiché le ho protette con i rettangolini rimossi (la foto è fatta prima di questa operazione) e dimenticate.
Ho fatto eccezione per la cassetta delle valvole di zona del riscaldamento (si vede sulla destra), che ho reso raggiungibile dall'interno dell'armadio stesso per ovvie esigenze di manutenzione.

Hank
23rd January 2015, 19:09
erano le basse proiettate a terra dal sub...

Curiosità,hai provato (all'epoca) a disaccoppiare il sub da terra?

cavaliereinesistente
24th January 2015, 16:24
Negativo

astralis
15th February 2015, 15:48
Eccomi, scusate la latitanza.
Cavaliere, ma una cosa mi lascia perplesso.
Caspita, dopo aver fatto l'isolamento nello studio, e immagino tu l'abbia fatto con un certo criterio, ancora avevi problemi di disturbo, addirittura al terzo piano.
Bella bega.

cavaliereinesistente
16th February 2015, 10:55
Bondì carissimo :)
Beh, attenzione, nella mia CR ho concentrato il progetto sulla correzione, ma non sull'isolamento, che è quasi del tutto assente perché in realtà non ne ho grande necessità (o almeno pensavo di non averne, finché non mi sono ritrovato con questo problema della camera da letto, comunque molto circoscritto al punto che ho deciso di agire direttamente lì). Se avessi avuto esigenza da subito di isolare, perché magari confinavo con l'appartamento di qualcun altro, avrei ragionato senz'altro diversamente.

astralis
17th February 2015, 09:06
Ah bon allora, avevo inteso male!

cavaliereinesistente
17th February 2015, 10:20
In effetti, rileggendomi, non era chiarissimo ;)