PDA

Visualizza Versione Completa : quale soluzione per alimentare diversi componenti in un home studio



marcolex
31st January 2017, 10:04
Ciao a tutti,

ho un home studio che adesso conta circa 17 elementi tra synth, centraline midi, computer, mixer e monitors.
E ho una singola presa a muro disponibile. Fino ad adesso non ho mai dovuto avere tutti i componenti alimentati contemporaneamente, ma principalmente perche non mi sentivo sicuro ad attaccare delle power strips in serie alla stessa presa.

sto valutando come poter connettere tutto insieme, considerando che, a parte 2 workstations KORG M3, un mixer Behringer UFX1204 e un Roland V-synth (che vanno dai 60W del mixer ai 35 e 17 W dei synth), e i monitor che indicano sul retro 127 W max, non ho apparecchiature con alti assorbimenti, anzi.

Le opzioni che vedo sono 3:
1) 2 power conditioner furman M-10x E con 11 IEC outlet, da attaccare in parallelo su uno splitter a 2 vie attaccato a sua volta alla presa a muro
2) 1 power conditioner furman M-10x E e una power strip rack tipo Adam Hall con diciamo 8-10 sockets da attaccare in serie ad un outlet del power conditioner; in questo caso attaccherei alla power strip tutto quello con il l'assorbimento piu' basso
3) 2 power strip da 8-10 prese in parallelo o in serie, con l'accorgimento del punto (2) nel caso di montaggio in serie

Potreste dirmi come orientarmi o se c'e' qualche altra opzione magari migliore disponibile?

Edi
31st January 2017, 18:38
Ciao marcolex! Prima di iniziare a sparare a mille vorrei chiederti un paio di delucidazioni:
1) la presa a muro è una 16A?
2) impianto recente o datato?

Ah, se ti va raccontaci qua (http://www.italiarec.com/forum/forums/27-Presentatevi-Qui) qualcosa su di te :k:

marcolex
1st February 2017, 21:54
Ho controllato il pannello principale, credo di avere 3 circuiti prese con breakers da 32A. L'impianto è recente, l'edificio è stato completato circa un anno fa...

SaMe
2nd February 2017, 09:12
Separa su due prese distinte mixer e monitor da una parte e PC dall'altra parte, distribuisci su due ciabatte a 10 posti il resto della strumentazione, evita catene di multiprese ecc le solite cose insomma.

marcolex
2nd February 2017, 09:23
pare che l'amperaggio sulle prese a muro comunque sia 13A, come da standard inglesi.
ho una sola presa disponibile, darebbe qualche vantaggio chiamare un elettricista e farla sdoppiare a muro?

SaMe
2nd February 2017, 09:29
Farla sdoppiare a muro no, avresti sempre lo stesso cavo che arriva dentro.
Alla fine con 13A sei comunque oltre l'assorbimento massimo di tutta la strumentazione accesa e funzionante, dato che poi comunque non suoni 10 tastiere alla volta direi che stai largo.

Se hai dubbi però fa verificare la sezione del suddetto cavo che è nel muro, non avresti un carico esoterico ma nemmeno leggerissimo.

Edi
2nd February 2017, 21:29
Al momento non ricordo le normative sul dimensionamento dei cavi, ma sono sicuro che il magnetotermico (ho capito bene?) da 32A di protezione è sbagliato a meno che non abbia nell'impianto dei cavi da 6-10mmq, cosa alquanto improbabile. Tecnicamente (parlo di standard italiani CEI 64-8) per una presa da 16A serve un cavo da 2,5 se non 4mmq ma si parla delle dorsali. Non so perchè hai delle prese con standard inglesi, sei per caso in Inghilterra? :D
Alla fine della storia, secondo me ti converrebbe avere una presa in più a muro, questo perchè avresti il carico diviso su due cavi (possibilmente da 2,5mmq) meno stressati, che vanno ad alimentare i due Furman ma sinceramente al momento non ricordo se questo modello di PC avesse le uscite isolate una ad una, in quel caso non penso che serva usarne due..

EDIT: ho letto ora che stai a Doha, chiedo venia :D

SaMe
3rd February 2017, 10:37
A proposito, ma a Doha con che tensione si lavora?
220 come in italia o ci stanno tensioni diverse?


Alla fine della storia, secondo me ti converrebbe avere una presa in più a muro, questo perchè avresti il carico diviso su due cavi (possibilmente da 2,5mmq) meno stressati,
Occhio che anche Edi ti sta dicendo che se devi aggiungere la seconda presa non vale sdoppiarla dentro alla scatola ma va portato un secondo cavo da sotto alla linea principale eh :stordita:

MHL
3rd February 2017, 14:17
Occhio che anche Edi ti sta dicendo che se devi aggiungere la seconda presa non vale sdoppiarla dentro alla scatola ma va portato un secondo cavo da sotto alla linea principale eh
No, credo proprio che Edi intendesse dire di sdoppiare la presa a muro ma semplicemente perché questo comporta una maggiore solidità del sistema e non perché sopperisca ai problemi da eccessivo assorbimento.
Insomma credo che volesse almeno evitargli l'uso mostri tipo questo qua
https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/51Er%2BaUCn5L._SX355_.jpg

Fare uno split a valle dell'unica presa a muro comunque non è una cosa aberrante ma appunto per avere un sistema di alimentazione ben collegato è meglio farlo usando oggetti un po' più solidi e all'atto pratico far sdoppiare la presa nel muro potrebbe essere la soluzione più stabile e dal costo piuttosto contenuto.

marcolex
4th February 2017, 08:00
Ok ragazzi, intanto grazie a tutti per i preziosi commenti.
Il voltaggio qui in Qatar e' (240 V | 50 Hz).
Ho controllato gli standard locali, che sono ben fatti, e riferiti a quello inglese. E' corretto infatti avere un circuito per prese a muro da 13A con il breaker da 32A a pannello.
Riguardo al diametro dei cavi, gli standard dicono che il cavo hot e neutro devono essere 4 mm2 e la messa a terra 2.5 mm2, mentre i circuiti di prese a muro secondo regolamento devono essere max 10 su un circuito. per cui mi sa che anche lo sdoppiamento a muro farebbe andare fuori norma l'impianto, e non credo che la societa' proprietaria accettera' di mandarmi gli elettricisti per fare questo lavoro
nel caso voleste dare uno sguardo ho questi link
https://www.legrand.co.za/download/solutions/international-electrical-standards.pdf
https://www.km.com.qa/CustomerService/ServiceRegulations/RegulationsfortheInstallationofElectricalWiringEle .pdf
altre info: potenza massima dell'utenza siamo su 2.5KW con breaker al pannello principale da 100A.

Io mi starei orientando sempre piu' su un power conditioner furman da 11 prese, a cui attaccare una ciabatta con 8 prese + 2 prese USB della Adam Hall per alimentare alcune robette a bassissimo consumo tipo:
Waldorf Blofeld (12v Maximum Current Consumption: 0.3 A - Maximum Power Consumption: 5W)
Korg Radias (9V 3A con adattatore)
Novation SL 25 (anche tramite USB, basso)
Waldorf Rocket (anche tramite USB, basso)
Korg MicroKORG (9V 500mA - 1.2 A con adattatore)
Novation Circuit (12 V richiede 0.8A di input ed esce con 1.2A, con adattatore ma anche batterie)
iConnectivity MIDI4+ (12 V con adattatore 3A)
2x hub usb alimentati con trasformatore

Al limite il furman mi stacca il breaker della presa se va in overdemand...

marcolex
4th February 2017, 08:45
Riguardo al diametro dei cavi, gli standard dicono che il cavo hot e neutro devono essere 4 mm2 e la messa a terra 2.5 mm2, mentre i circuiti di prese a muro secondo regolamento devono essere max 10 su un circuito. per cui mi sa che anche lo sdoppiamento a muro farebbe andare fuori norma l'impianto, e non credo che la societa' proprietaria accettera' di mandarmi gli elettricisti per fare questo lavoro


scusate, questo passsaggio potrebbe non essere chiaro. intendevo che per ogni circuito si possono avere max 10 prese a muro e/o 100 mq di copertura. se le prese sono doppie vanno contate come doppie ovviamente

Edi
4th February 2017, 19:21
Scusa, per breaker intendi un magnetotermico? Perché le prese da 13A e il magnetotermico da 32A non ha alcun senso. Se non erro va bene per proteggere un 4mmq ma non sicuramente un carico ad una sola presa che si assorbe 13A. Distruggi la presa quasi sicuramente.. Poi non conosco gli standard anglosassoni, lo sappiamo tutti che sono gentaglia particolare :D

SaMe
4th February 2017, 19:45
Perché le prese da 13A e il magnetotermico da 32A non ha alcun senso

Le prese di tutta la stanza o meglio si tutta la casa su 1 suolo magnetotermico. Stai ragionando come se tutto il carico della casa fosse su quella presa.
OK sarebbe buona norma avere prese a 32 e interruttori da 32 ma non è una tragedia a conti fatti.

Anche 1A di corrente in uscita che non rientra al magnetotermico riesce a farlo scattare mantenendo l'impianto efficiente. (OKOK 1A no era solo per rendere l'idea)

Se hai 4mmq dentro allora vai tranquillo di ciabatta unica, mi raccomando però non fare catene di ciabatte :stordita:

marcolex
5th February 2017, 08:44
Scusa, per breaker intendi un magnetotermico? Perché le prese da 13A e il magnetotermico da 32A non ha alcun senso. Se non erro va bene per proteggere un 4mmq ma non sicuramente un carico ad una sola presa che si assorbe 13A. Distruggi la presa quasi sicuramente.. Poi non conosco gli standard anglosassoni, lo sappiamo tutti che sono gentaglia particolare :D

Si, il breaker e' il magnetotermico... scusate i miei inglesismi, son qui a Doha da 8 anni, ci sono parole che ormai credo di conoscere solo nella versione inglese :acc:
Comunque, e' corretto avere il magnetocoso sovradimensionato rispetto alla singola presa; la presa fa parte di un circuito e non posso limitare l'impianto a utilizzare solo una presa su N(totale) al massimo.

comunque:
1) ho ordinato il condizionatore di corrente furman, che mettero' in rack e mi distribuisce su 11 prese IEC (11 prese non le trovo su nessuna ciabbatta) ognuna con il suo breaker da 10A (bella roba!)
2) provero' a collegare una ciabbatta che alimenta le 6-7 piccole cose rimaste, che attacchero' 1 ad 1 monitorando la situazione. Alla peggio parte il breaker del Furman che tanto si resetta e ritorna a posto

Mi son fatto i conti precisi e dovrei rientrare (tenendo conto che come riferimento 1000W / 240V = 4.1A):

1577

Vi faro' sapere come va, magari vi mando una foto del tutto appena ricevo il Furman e la ciabbatta rack.
Spero che non sia quella della casa a fuoco :asd

Cracker
5th February 2017, 11:38
Comunque, e' corretto avere il magnetocoso sovradimensionato rispetto alla singola presa; la presa fa parte di un circuito e non posso limitare l'impianto a utilizzare solo una presa su N(totale) al massimo.


In Italia invece è proprio così, ma per una serie di motivi che definirei quasi "storici".

Intanto il contratto base domestico da 3 KW. A 230V significa che a 16 Ampere non ci arrivi.

Per questo motivo gli impianti elettrici standard hanno sia il magnetotermico che le prese della casa da 16 Ampere.

Scusate il piccolo OT :D


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

Edi
5th February 2017, 13:36
SaMe dico che è sbagliato (da quello che ho studiato a scuola) perché i cavi non sono protetti. Tu potresti chiedere 31A a colpi di 5/6A per 5/6 prese, il totale ti supera tranquillamente la Ib (corrente massima) del cavo. Per questo mi sembra sbagliato, un magnetotermico da 32A protegge cavi da 6mmq se sono posati singolarmente, ci fosse già un numero di circuiti superiore a 2 servirebbe il 10mmq, tutto qua. Ora come ora la presa a 13A potrebbe non essere un problema (prima avevo frainteso io, mea culpa) ma il cavo potrebbe esserlo.

Cracker
5th February 2017, 14:08
Edi, se usano cavi da 4mmq fino alle prese, sono protetti fino a 32A.

http://www.oppo.it/calcoli/cavi/tabella_linee_elettriche.html

Poi se la presa arriva a 13A per specifica, non dovrebbero esistere apparecchi CON QUELLA SPINA che assorbano di più.

Non ho ovviamente approfondito, ma essendo uno standard qualcuno dovrebbe averlo fatto :asd


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

SaMe
5th February 2017, 14:28
Tu potresti chiedere 31A a colpi di 5/6A per 5/6 prese, il totale ti supera tranquillamente la Ib (corrente massima) del cavo

Giusto ma se il colpo è breve il cavo non se ne accorge nemmeno, se è troppo comunque c'è un assorbimento sufficiente a far scattare il magnetotermico anche se sotto la sua soglia massima.
Poi spero almeno un differenziale ci sia sulla linea.


Con questo sto dicendo che magari la teoria è giusta però poi all'atto pratico ci sono variabili in più che ti permettono di essere più elastico. (se la legge permette, aggiungiamo anche un disclaimer va)
Poi considera quello che ha detto Cracker, ovvero che con quella spina non è possibile avere tanti danni.

Poi non dimentichiamo che siamo in un caso reale non in un caso ideale, 6A @ 230V sono 1400W uno scaldino ci arriva ma un apparecchio audio direi di no.

Edi
5th February 2017, 23:09
Giusto ma se il colpo è breve il cavo non se ne accorge nemmeno
Attacchi la lavastoviglie, mentre si scalda l'acqua assorbe tra i 2000-2200W, e se hai il contratto da 2,5kW è probabile che salti il contatore anche se non mi sembra un lavoro proprio fatto a dovere, se un giorno si aumentasse la potenza da contratto e la si portasse ad un 5-6kW (non so in Qatar usualmente cosa fanno) l'impianto sarebbe completamente da rifare.. Se troverò il tempo darò un'occhiata a 'sti standard, giusto per capirci qualcosa di più :D


Edi, se usano cavi da 4mmq fino alle prese, sono protetti fino a 32A.

http://www.oppo.it/calcoli/cavi/tabe...lettriche.html

Attento che il valore 32 è al limite della copertura, non appena i cavi viaggiano in dorsale insieme ad altri conduttori non sono più protetti..