PDA

Visualizza Versione Completa : Bass trap, hangers, baffles: quando, come e perchè.



Mikeopen
17th September 2013, 15:17
E la cosa interessante per me è come determinare la posizione dell'assorbitore , fatto salvo il fatto che negli angoli si annidano le stazionarie e quindi sarebbe buona prassi assorbire per default in quelle zone. O no ?


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

Mr. Red
17th September 2013, 15:19
I risuonatori io li ho piazzati dietro alle corner trap dopo aver letto che lì sono più efficaci.
Ma credo che funzionerebbero un po dovunque a meno che non li piazzi oltre la lunghezza d'onda di una determinata frequenza.

PAPEdROGA
17th September 2013, 15:22
Semplice: ovunque :)

Se in rete cerchi il progetto di studi "seri", noti come nella maggioranza dei casi si effettua un assorbimento sull' intero perimetro + soffitto. In questo modo vai a correggere il grosso dei problemi della stanza, dando una sgrossata alla risposta. A questo andrai ad aggiungere sistemi accordati (perché difficilmente riesci ad asciugare a sufficienza le modali principali utilizzando la sola porosità) e diffusori.

Mikeopen
17th September 2013, 15:25
Quindi posizionando le bass trap in maniera perimetrale si riesce nel grosso dello scopo. Per il soffitto la procedura è simile ?


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

PAPEdROGA
17th September 2013, 15:29
Intanto bisognerebbe capire cosa si intende per "bass trap".
L' assorbimento tramite "paretine" in lana minerale o tramite baffle non è un vero e proprio sistema di bass trapping. E' assorbimento wide range, che include anche le basse.
Una bass trap, teoricamente, sarebbe un sistema costruito per lavorare specificamente sulle basse lasciando il resto "libero", o meglio riflettendo o diffondendo il resto.

Mikeopen
17th September 2013, 15:34
Lo vedi che sono ignorante ? :)
Quindi assorbimento wide band + bass trap se serve.
Corretto ?


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

cavaliereinesistente
17th September 2013, 15:36
Quoto al 100% Pape.
Considerando sottinteso il fatto che parliamo di ascolto near-field, in stanze di dimensioni consuete, dedicate principalmente a produzione e mixaggio, trattare bene angoli e spigoli con basstràppole broad-band (rischio di esagerare praticamente non ce n'è), ed assorbire moderatamente con pannelli non troppo sottili (dai 50mm in su) di fronte, dietro, ed ai lati e sul soffitto nelle zone di prima riflessione, risolve il 90% dei problemi e la maggior parte di noi può tranquillamente fermarsi lì.

Mikeopen
17th September 2013, 15:37
Quindi questo spiegherebbe il lato absorb/reflect delle tubetraps che ho trovato in varie regie


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

cavaliereinesistente
17th September 2013, 15:39
Quindi questo spiegherebbe il lato absorb/reflect delle tubetraps che ho trovato in varie regie


...un po'come il lato estivo e quello invernale del materasso... :D

PAPEdROGA
17th September 2013, 15:40
Quindi assorbimento wide + diffusione + sistemi accordati per le correzioni di fino... dove "di fino" non significa per forza di pochissimi dB, ma in range ristretti.

Da qui poi partono mille scuole di pensiero differenti. Da chi parte realizzando dei risonatori accordati sulle modali principali dell' ambiente, a chi realizza risonatori a perimetro utlimato studiando sul campo le zone da correggere, a chi sfrutta maggiormente la riflessione ed angolazione dell' onda con materiali ad alta densità diminuendo l' assorbimento, a chi predilige partire con realizzazione e studio di un sistema di ascolto principale in wall e così via :)

Mikeopen
17th September 2013, 15:43
Vi va di analizzare i pro ed i contro dei vari sistemi ?


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

PAPEdROGA
17th September 2013, 17:51
Vi va di analizzare i pro ed i contro dei vari sistemi ?

Temo che la tua sia una domanda senza possibilità di risposta. E' un po' come cercare di stabilire i pro ed i contro dell' uso di un pre Neve rispetto ad un pre API. Non è una cosa semplice e schematizzabile.
...e soprattutto: la correzione acustica è, appunto, una correzione... parte quindi da una situazione acusticamente disagevole per tentare di renderla agevole. Ovviamente, qualunque siano le tue mosse, arriverai ad un punto finale che per quanto si possa avvicinare ad una soluzione ideale, ideale e perfetta non lo sarà mai.
Quindi, chi per un modo chi per un altro, ogni approccio ha i suoi pro ed i suoi contro, che però purtroppo non sono identificabili a priori, ma andrebbero sempre contestualizzati ed analizzati nel caso specifico.

Va anche detto, poi, che ogni progettista ha un suo modus operandi sviluppato negli anni, che tenderà a prediligere in ogni situazione e contesto... probabilmente perché è il sistema che maggiormente riesce a tenere sotto controllo e che quindi dovrebbe permettergli migliori risultati.
In rete il modus operandi più diffuso è l' assorbimento per porosità tramite lana di vetro negli angoli e nei punti di prima riflessione, cercando di raggiungere un determinato tipo di spessore nelle zone di assorbimento. Nelle regie con progetti (solo progetto, quindi solo "il disegno su carta") dal costo di una macchina, le soluzioni adottate sono in genere più complesse e prevedono l' unione dello studio delle dimensioni e della geometria, integrati con grossi sistemi di assorbimento e frammentazione dell' onda (vedi i baffle) con la diffusione delle basse... il tutto progettato su carta e con software di previsione acustica.

Ad esempio..:
uno studio di mastering qui vicino ha fatto realizzare esattamente su misura il progetto che è stato sviluppato a centinaia di km di distanza. A fine lavori, proprietario e progettista sono entrati in studio con la sonda per le analisi ed hanno dovuto semplicemente constatare la "perfetta" linearità della risposta monitor - stanza. Nessun bisogno di tuning successivo. Semplicemente un lavoro eccelso in fase di progettazione e realizzazione.

PAPEdROGA
17th September 2013, 18:37
A proposito di diversi metodi...

sto facendo proprio ora una prova tra efficacia dell' assorbimento classico (lana di vetro impilata fino al raggiungimento dello spessore necessario) e baffle (due fogli di lana con pannello di mdf nel mezzo, appesi e liberi di vibrare).

20cm di assorbimento classico VS baffle da 10cm. Stesso identico posizionamento dei pannelli, dei monitor, del mic ecc:

Lana semplice:

273

Baffle:

274

Una discreta differenza per un solo "modulo" 140*60, direi.

Ps: in questo caso le analisi sono con NS10 a 2m di apertura e distanza dal mic e 4m circa dalla parete frontale... ovviamente, in una situazione simile, le basse sono solo un lontano ricordo :)

Mikeopen
17th September 2013, 20:49
Ma il risultato è diverso in termini di assorbimento. Adesso per poter comprendere meglio io noto una gola parecchio profonda a circa 180 HZ e uno spike intorno ai 400. A occhio l'assorbimento con il baffle sembra più equilibrato, o sbaglio ?

Hank
17th September 2013, 20:52
e baffle (due fogli di lana con pannello di mdf nel mezzo, appesi e liberi di vibrare).



Cioè quindi degli Hanger?

Gibert5
17th September 2013, 20:58
ma questi baffle sono in qualche modo accordati?
non ne ho mai sentito parlare.....

PAPEdROGA
17th September 2013, 21:00
In questo caso: maggior assorbimento e resa migliore, pur utilizzando minor materiale e spessore.
Onestamente di test simili non ne ho mai visti in rete. Se ne avessi visti, probabilmente avrei approcciato diversamente il trattamento del mio studio.

Comunque... Domani dovrei forse riuscire a fare una prova più approfondita: 20-30cm di assorbimento su quasi la totalità delle pareti laterali VS baffle da 10 cm.
Se un solo pannello da 140x60cm ha portato ad 8dB di linearizzazione in più, vedremo cosa faranno una dozzina di pannelli da pavimento a soffitto.

PAPEdROGA
17th September 2013, 21:03
No, non sono accordati.

@ Hank: non so se hanno più nomi, non sei il primo a chiamarli hanger. I due progettisti a cui ho chiesto consulenze li hanno entrambi chiamati baffle ed anche io li conoscevo con questo nome.

Hank
17th September 2013, 21:19
Gli Hangers sono questi:

http://johnlsayers.com/Recmanual/Titles/Acoustics2.htm

Quindi,se ho ben capito,la stessa cosa che hai realizzato tu.
Sembra funzionino molto bene in basso.
E,se guardi la pagina,non sono accordati,ma a seconda delle dimensioni della tavola di legno agiscono su range diversi.

Di solito gli anglosassoni li chiamano così,perlomeno Sayers,Newell,Gervais...ecc.I soliti noti.

Mr. Red
17th September 2013, 21:21
Baffle significa diaframma, in pratica assorbono la frequenza a cui vibra il pannello.
In itaglia si chiamano assorbitori a diaframma.

PAPEdROGA
17th September 2013, 21:29
Si, sono loro. Pannello di legno interno e due pannelli di lana sui lati, uno per lato.

Data la risposta e la loro costruzione, non credo che abbiano una frequenza di accordo o risonanza.

Hank
17th September 2013, 21:32
No infatti,non hanno una "frequenza".Redde si confonde con i pannelli assorbitori a membrana.

Dicevo,se guardi quello che c'è scritto nella pagina linkata,spiega che quelli grandi lavorano bene in basso,quelli medi nelle mediobasse.

Mr. Red
17th September 2013, 21:41
Non è che mi confondo.... Assorbono tutto quello che le fa entrare in vibrazione.....
Di norma sono considerate ad ampio spettro.
Un esempio classico di assorbitore a diaframma lo potete trovare anche in casa con i controsoffitti di cartongesso che sono, appunto, degli ottimi assorbitori ad ampio spettro, soprattutto quelli con le luci nascoste dietro che, non essendo stuccati con le pareti, entrano facilmente in vibrazione.
In pratica dissipano i juole di energia che l'onda sonora gli applica per farli entrare in vibrazione.
Ovviamente, più sono grandi e più deve essere grande la lunghezza d'onda della frequenza che, a parità di energia, le mette in vibrazione.

Hank
17th September 2013, 21:45
Continui a confonderti.Guarda la pagina linkata,oppure cerca hanger su google,e poi cerca panel absorber.

Anche nei progetti degli studi di livello si sfruttano le contropareti in cartongesso come assorbitori.Ma è sempre il principio del Panel Absorber,non dell'Hanger.

PAPEdROGA
17th September 2013, 21:46
Yes. Nello studio in cui li ho visti in effetti ce ne sono di enormi, più alti di 3 metri.
Già prevedo di rifare la maggior parte del perimetro utilizzando loro.
Non finirò mai...

Ps: si sa nulla sull'importanza del materiale usato come pannello centrale?

Mr. Red
17th September 2013, 21:48
Continui a confonderti.Guarda la pagina linkata,oppure cerca hanger su google,e poi cerca panel absorber.

Anche nei progetti degli studi di livello si sfruttano le contropareti in cartongesso come assorbitori.Ma è sempre il principio del Panel Absorber,non dell'Hanger.
Io mi riferivo al termine baffle, ovvero diaframma.
Comunque il principio è che maggiore è la massa, maggiore è l'energia necessaria per far entrare in vibrazione il pannello.

Gibert5
17th September 2013, 21:58
nello specifico Pape, che caratteristiche ha l'mdf che hai utilizzato? (spessore, densità)

PAPEdROGA
17th September 2013, 22:07
Non è mdf, è un foglio di pioppo preso a caso da Leroy Merlin. Controllo meglio domani ma mi pare sia spesso 1,5cm. Densità ignota.
Credo proprio che prima di comprarne un' infinità testerò vari fogli.

Hank
17th September 2013, 22:36
Ps: si sa nulla sull'importanza del materiale usato come pannello centrale?

Sayers dice (se ricordo bene) di usare l'homasote.Da noi credo non ci sia,dalle ricerche che avevo fatto quello più simile era l'MDF.
Ma non so dirti se MDF leggero o quello normale.

PS: Che invidia...se avessi quattro mura mie anzichè essere in affitto...altro che pannelli,farei.

Gibert5
17th September 2013, 22:51
altro che 4mura...
mi pare di capire che questi sistemi hanno bisogno di molto mooolto spazio!

cioè un finto soffitto, con sopra dei pannelloni appesi...boh, mi sembra uno dei sistemi più impegnativi in termini di spazio...
certo è che adesso sono in para se andare a prendere o meno dei pannelli da inserire nelle trappole che andrò a realizzare! :)

Mr. Red
17th September 2013, 22:54
Sayers dice (se ricordo bene) di usare l'homasote.Da noi credo non ci sia,dalle ricerche che avevo fatto quello più simile era l'MDF.
Ma non so dirti se MDF leggero o quello normale.

PS: Che invidia...se avessi quattro mura mie anzichè essere in affitto...altro che pannelli,farei.
Se hai spazio in casa che te ne frega?
Quando lascerai l'appartamento basta ripristinare lo stato dei luoghi.
Anzi, per noi poveri affittuari, l'ideale è fare sempre correttori smontabili e/riciclabili nella prossima casa.

PAPEdROGA
17th September 2013, 22:59
Fai tutto quello che devi fare. Quando dovrai andartene, per non smantellare nulla, lascerai l'appartamento ad un appassionato di audio... o ad un serial killer torturatore :D

AEB31415
18th September 2013, 08:31
Se non ricordo male, come già accennato dalla vecchia canaglia di Hank, Sayers suggerisce l'homasote per via del costo e per via del peso che è nettamente inferiore rispetto al classico MDF. In una discussione diceva che quest' ultimo era troppo pesante ed era più difficile farlo entrare in vibrazione rispetto all' homasote che usa Sayers che ha una densità di circa 200kg/m3.
Per quanto riguarda invece quelle fatte da Michael nel suo studio, il core material era compensato da 1/2" e da 1/4" con della OC705 attaccata sopra(quindi veramente pesante come lanavetro), però nel suo caso, a differenza di tutte le altre occasioni in cui le ho viste utilizzate, sono state messe parallelamente alla parete posteriore, per 70cm di profondità e sfalsati.

Mr. Red
18th September 2013, 09:20
Wagener si è fatto la sonorizzazione dello studio diy?

Mikeopen
18th September 2013, 09:25
Inizia a prendere forma un' idea di sonorizzazione con baffle appesi a perimetro, sfalsati su binari. Potrebbe riassumersi in una quasi "geometria variabile" del perimetro assorbente.
Vediamo che evoluzioni prende il 3ad e magari gli admin ne modificano il titolo adeguandolo all'argomento.
Piuttosto vediamo di reperire info sul tipo di legno usato.
Dai dai, che la cosa mi sta appassionando.


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

Hank
18th September 2013, 09:47
Per quanto riguarda invece quelle fatte da Michael nel suo studio, il core material era compensato da 1/2" e da 1/4" con della OC705 attaccata sopra(quindi veramente pesante come lanavetro), però nel suo caso, a differenza di tutte le altre occasioni in cui le ho viste utilizzate, sono state messe parallelamente alla parete posteriore, per 70cm di profondità e sfalsati.

Si,un'altro materiale utilizzabile è il compensato,facilmente reperibile da noi,peccato che costi.
Diciamo che l'ideale sarebbe un legno leggero ed economico.

Però io direi di chiamarli hangers,come il resto del mondo li chiama,non baffle.

Mikeopen
18th September 2013, 09:50
La "volgarissima" masonite traforata si potrebbe prestare allo scopo ? http://img.tapatalk.com/d/13/09/18/etuhy4ej.jpg


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

PAPEdROGA
18th September 2013, 09:51
Sayers suggerisce l'homasote per via del costo e per via del peso che è nettamente inferiore rispetto al classico MDF. In una discussione diceva che quest' ultimo era troppo pesante ed era più difficile farlo entrare in vibrazione rispetto all' homasote che usa Sayers che ha una densità di circa 200kg/m3.

200Kg/m3, quindi circa 1,5Kg per pannello 120*60*1
Ok, vedo di trovare qualcosa che si avvicini a queste specifiche.

Riguardo la 705, se non ricordo male sarebbe densità medio-alta, quindi orientativamente un 50Kg/m3 se non 75Kg/m3.
Vedrò di fare prove anche su questo.

Domanda: la parete posteriore agli hanger era spoglia? Solo cartongesso? Quindi si creavano delle fessure tra hanger ed hanger senza alcun materiale tra onda e parete di cartongesso? O magari gli hanger erano sovrapposti, non lasciando spazi vuoti?

Edit: @Mike, non credo che un pannello forato sia tra i più adatti allo scopo.

Mr. Red
18th September 2013, 09:52
In italiano sarebbero gli "appesi"...... :asd

AEB31415
18th September 2013, 10:00
Mr. Red; Si, lo studio se l' è praticamente costruito da solo! :D

Ecco un thread di GS in cui ne spiega la costruzione: Wireworld Studio Construction (http://www.gearslutz.com/board/photo-diaries-recording-studio-construction-projects/327063-new-wireworld-construction.html)

Il progetto è stato seguito da un' ingegnere acustico di Nashville, in base alle esigenze e all' esperienza di Michael.

AEB31415
18th September 2013, 10:08
Domanda: la parete posteriore agli hanger era spoglia? Solo cartongesso? Quindi si creavano delle fessure tra hanger ed hanger senza alcun materiale tra onda e parete di cartongesso? O magari gli hanger erano sovrapposti, non lasciando spazi vuoti?


Si, la parete posteriore era composta dal legno esterno dell' abitazione, materiare isolante(quello rosa che si usa in america) e un doppio strato di cartongesso incollato con una colla particolare molto costosa, adatta per trattamenti acustici: quindi in definitiva, considerando la parete in cartongesso, si, era spoglia.

Gli hanger erano sovrapposti in modo che l' onda non si trovasse mai la parete diretta davanti.
Se può essere utile, andando a memoria, la OC705 era di 1" di spessore ed una hanger dall' altra era distanziata una manciata di centimetri, quindi, per tutta la profondità saranno state 6-7 file di hanger.

AEB31415
18th September 2013, 10:11
Mi correggo, da questa foto sembrerebbe esserci un pò di lanaroccia prima del cartongesso:

http://www.gearslutz.com/board/attachments/photo-diaries-recording-studio-construction-projects/121732d1242625142-new-wireworld-construction-bass-trap-done.jpg

AEB31415
18th September 2013, 10:15
Correggo anche il tiro sullo spessore del multistrato e sulla densità dei pannelli: "They are alternating 5/8" and 1/2" plywood with 1" 703 on both sides".

A quanto pare le file di pannelli erano 2....
.....mi sa che la mia memoria se ne sta andando totalmente a *******!

PAPEdROGA
18th September 2013, 10:20
per tutta la profondità saranno state 6-7 file di hanger.

Caspita...

Edit:


Correggo anche il tiro sullo spessore del multistrato e sulla densità dei pannelli: "They are alternating 5/8" and 1/2" plywood with 1" 703 on both sides".

A quanto pare le file di pannelli erano 2....
.....mi sa che la mia memoria se ne sta andando totalmente a *******!

:D

Ok, quindi traducendo in misure nostrane, possiamo dire che i pannelli sono da 1,2 ed 1,5 cm e la lana di vetro da 45Kg/m3 circa

AEB31415
18th September 2013, 10:21
Caspita...

No, ho detto una cazza! Erano due a quanto pare.

znal_lanz
18th September 2013, 10:23
Per quanto riguarda la lettura dei grafici prodotti per esempio con Room EQ Wizard aggiungerei un paio di cose:

- nei waterfall, occorre fare una distinzione tra le "collinette"/"valli" che rimangono per tutta la durata del decadimento e quelle che dopo qualche decina di ms, misteriosamente, scompaiono o cambiano marcatamente forma. Le prime sono molto probabilmente determinate da risonanze modali, specie nel campo delle basse, le seconde sono da imputare ad interazioni con gli altoparlanti (le fantomatiche SBIR"re" in tutte le varie forme e definizioni che possono avere). La ragione è da ricercare nel fatto che quando cessa l'azione dello speaker, cessa anche l'interazione. Ovviamente si sta parlando di informazioni di massima da analizzare caso per caso.

- un'analisi attenta dell'ETC (Envelope Time Curve) dà informazioni sul treno di riflessioni che arrivano al punto di ascolto. E' importante soprattutto per il trattamento della parte medio alta della banda udibile per capire cos'è che rompe i maroni, dando la possibilità di localizzarli nello spazio. In realtà non è poi così semplice, specie quando l'ETC sembra più peloso di un gorilla. :D

- L'analisi delle zone "minimum phase" dà la possibilità di capire dove è possibile eventualmente equalizzare o comunque capire dove eventuali sistemi DRC (Digital Room Correction) come ERGO, ARC, Trinnov o CONEQ risulteranno onestamente efficaci.

- I modi di vibrare di una stanza, personalmente, si possono combattere solo con le dimensioni della stanza. Il resto è solo mitigazione degli effetti. Inclinare le pareti per risolvere un problema in bassa frequenza ritengo sia inutile. Andando più su invece il senso c'è in quanto si vanno a mitigare gli effetti delle interazioni con i modi di ordine superiore.

- Troppo spesso ci si fossilizza sulle basse frequenze con le sue collinette a 80 Hz, tralasciando il resto che, ai fini del mix, risulta essere parecchio importante. Riflessioni troppo intense nei primi 30 ms creano confusione e possono alterare in maniera sensibile la risposta in frequenza e l'immagine stereo.

Sul discorso degli hanger-baffle il discorso è un po' complesso. In un unico dispositivo sono concentrati vari principi fisici tra cui:

- guida d'onda: la spaziatura tra un pannello e l'altro e la chiusura verso la parete della stanza creano dei vani con una determinata geometria. Le onde sonore possono quindi passare inalterate, subire un assorbimento "standard" per attrito oppure mandare in risonanza il sistema pannello-aria intrappolando nel volume del baffle un determinato quantitativo di energia.

- dissipazione per attrito: questa è facilmente individuabile per effetto del materiale poroso che riveste i pannelli.

- Dissipazione per lavoro meccanico: il pannello vibra e dissipa al suo interno un certo quantitativo di energia. Sarebbe interessante capire se un'architettura definita come "constrained layer" (pannello+colla+pannello) risulta essere più efficace rispetto ad un pannello singolo.

Di fatto, tutti questi elementi concorrenti, rendono questo sistema difficilmente progettabile a tavolino ma con l'esperienza si dovrebbe arrivare ad un dimensionamento efficace.

Riguardo al materiale "homosote 440" utilizzato in altri continenti, in Italia i possibile equivalenti possono essere la masonite o anche lo stesso mdf, anche se il prima è più leggero, il secondo è più pesante (in termini di densità)

Mikeopen
18th September 2013, 10:24
Mi pare di capire che la chiusura degli Hanger con una parete di cartongesso ( se non due incollate tra di loro ) per il corretto funzionamento degli stessi.


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

Mikeopen
18th September 2013, 10:29
Alla fine c'avevo azzeccato con la masonite ma a quanto pare la correzione non è facilmente progettabile con gli Hangers. E siamo punto e a capo.


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

znal_lanz
18th September 2013, 10:39
I pannelli di masonite però non devono essere forati.

Nella soluzione di Wagener la parte risonante è quella presente tra la perete esterna e la doppia fila di pannelli. Le prese d'aria sono fessure presenti tra un pannello sospeso e l'altro.

Altre volte si vedono i pannelli messi in diagonale con ad una distanza di qualche cm dalla parete, in modo che sul retro ci sia una striscia d'aria che mette in comunicazione tutti i vari vani.

La progettazione non è facile poiché il comportamento non è facilmente prevedibile. Però a giudicare dal massiccio impiego, è un sistema che per l'assorbimento in larga banda è particolarmente efficace.

Nota di folklore: il sistema con "la colla molto costosa" tra i due pannelli di cartongesso è quello che gli anglofoni definiscono constrained layer... e serve per l'assorbimento.

AEB31415
18th September 2013, 10:46
Nota di folklore: il sistema con "la colla molto costosa" tra i due pannelli di cartongesso è quello che gli anglofoni definiscono constrained layer... e serve per l'assorbimento.

Mmmmmm, non capisco. La colla, chiamata GREEN GLUE, era utilizzata per incollare i vari strati di cartongesso perimetrale fra di loro nel momento in cui si è fatta la stanza nella stanza. Il trattamento acustico è stato fatto all' interno.
Dici che nononostante la massa dei pannelli in cartongesso, con l' utilizzo di quella colla siano diventati in qualche modo assorbenti?

Mr. Red
18th September 2013, 10:48
La colla li rende un corpo unico, quindi vibrano e contemporaneamente assorbono insieme.....
Almeno credo.... :asd

AEB31415
18th September 2013, 10:52
La colla li rende un corpo unico, quindi vibrano e contemporaneamente assorbono insieme.....
Almeno credo.... :asd

Però credo che non sia una cosa particolarmente comune considerare le perimetrali di cartongesso (peraltro piuttosto spessi) come assorbitori.

Hank
18th September 2013, 10:54
La green glue si usa di solito appunto per incollare i due layer di cartongesso,di solito incrociati, allo scopo di aumentare l'isolamento.Questo anzichè usare le viti per tenerli insieme che creerebbero ponte acustico.Ah,di solito queste pareti sono disaccoppiate,non so nel caso di Wagener.

Mr. Red
18th September 2013, 10:55
Perchè no? Una parete di cartongesso è sempre un'assorbitore e proprio negli states le mura di tufo larghe un metro e mezzo tipo quelle di casa mia non hanno neanche idea di cosa siano.... :asd

PAPEdROGA
18th September 2013, 11:00
Non so. A naso mi viene da pensare che se una parete ad alta densità isola, in linea teorica non assorbe ma riflette.
Ma poi, chiaramente, nel mondo reale la faccenda è più complessa.

AEB31415
18th September 2013, 11:01
Perchè no? Una parete di cartongesso è sempre un'assorbitore e proprio negli states le mura di tufo larghe un metro e mezzo tipo quelle di casa mia non hanno neanche idea di cosa siano.... :asd

O_o
Non so, io quì da quando ho tagliato le pareti in cartongesso da 1cm, lasciando la lana minerale a vista, l'assorbimento è aumentato vertiginosamente su quasi tutto lo spettro. Ma parliamo di svariati decimi di secondo.

znal_lanz
18th September 2013, 11:10
il constrained layer serve per l'isolamento acustico, non per l'assorbimento interno. Mi sa che non sono stato chiaro. E' lo stesso principio che si impiega sui vetri laminati acustici.

Vetro - Materiale plastico - Vetro

Il materiale plastico, come la green glue, serve per smorzare

Mr. Red
18th September 2013, 11:23
O_o
Non so, io quì da quando ho tagliato le pareti in cartongesso da 1cm, lasciando la lana minerale a vista, l'assorbimento è aumentato vertiginosamente su quasi tutto lo spettro. Ma parliamo di svariati decimi di secondo.
Mica ho detto che assorbe più della lana minerale, stavo solo sottileneando che, se entra in vibrazione, qualcosa la assorbe pure lui....

AEB31415
18th September 2013, 11:24
ah, ok, allora non avevo capito bene.

Mr. Red
18th September 2013, 11:27
Nella mia penultima casa avevo il soffitto di legno con le travi a vista che mi dava, appunto, un comodo assorbimento a diaframma.
Piccola parentesi: almeno tra di noi, vogliamo provare a usare dei termini più italiani e meno auannaganna? :asd

Hank
18th September 2013, 12:39
Allora usa il termine membrana:asd .Ti si addice anche di più :asd

Cmq,qualunque lastra di qualunque materiale ha la sua frequenza di risonanza.Però non sono assorbitori così al naturale,vanno smorzati (damped),sennò risuonano e basta anzichè assorbire.

Crj
18th September 2013, 13:54
zanal e hank fate paura

PAPEdROGA
18th September 2013, 13:56
Sto andando a prendere il materiale. Per ora le alternative sono MDF (500Kg/m3) da 4mm o compensato in pioppo (anche lui sui 500Kg/m3) sempre da 4mm.
Se avete info, suggerimenti o obiezioni, parlate prima che il mio portafogli si svuoti... :)

AEB31415
18th September 2013, 13:57
zanal e hank fate paura

Sono proprio così brutti?

:ciap:

Crj
18th September 2013, 14:03
hank si, zanal a dire il vero è un fotomodello in confronto :D

Hank
18th September 2013, 14:23
Ah...ha parlato Cristona Pitt.Tagliati quel nido di rondini che hai al posto dei capelli va la:D

Mr. Red
18th September 2013, 14:25
Hank, ma tu sei appassionato di bukowski o ho sempre immaginato una cosa per un'altra?

Hank
18th September 2013, 14:34
Sto andando a prendere il materiale. Per ora le alternative sono MDF (500Kg/m3) da 4mm o compensato in pioppo (anche lui sui 500Kg/m3) sempre da 4mm.
Se avete info, suggerimenti o obiezioni, parlate prima che il mio portafogli si svuoti... :)

Mmm...Newell nel suo libro parla di spessori più grossi,12-19mm di chipboard(truciolato).


Ma io non ci impazzirei troppo sul tipo di legno e densità,cmq.Cioè imho compensato,mdf,truciolare...vanno tutti bene.
Starei attento solo allo spessore,io sotto al centimetro non andrei.Io starei appunto a 13 o 16 o anche 20mm.
E,se vuoi andare in basso con le frequenze,non più corti di 1,80m indicativamente.

PAPEdROGA
18th September 2013, 14:45
Chi ha lo studio tutto hanger mi ha appena detto di aver usato 4mm...
Come sempre, punti fermi non ne abbiamo mai :)

Mikeopen
18th September 2013, 14:47
Si, ma tra 4 mm e 2 cm c'è na bella differenza !
Giampiè fai a occhio come dal salumaio !


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

Mr. Red
18th September 2013, 14:51
Si, ma tra 4 mm e 2 cm c'è na bella differenza !
Giampiè fai a occhio come dal salumaio !


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)
Vi assicuro che conosco gente (ho fatto l'operaio per loro) che fanno questo di mestiere e ne sanno molto meno di ognuno di noi..... :acc:

PAPEdROGA
18th September 2013, 15:03
Mi sto facendo impacchettare lastre da 8mm, lunghezza 220cm.
Se non funzionano ci costruisco un'intera casa Ikea :D

Hank
18th September 2013, 15:05
Chi ha lo studio tutto hanger mi ha appena detto di aver usato 4mm...
Come sempre, punti fermi non ne abbiamo mai :)

A questo punto tanto meglio.
Se lo studio che stai prendendo come riferimento ha un assorbimento ottimale in basso,e presumo ce l'abbia sennò non sarebbe un riferimento,vai di 4mm.

Io non ho mai sentito parlare di spessori così sottili,ma tant'è.
Ti risparmi soldi e fatica.


Edit: Come mai alla fine hai raddoppiato lo spessore?Cambiato idea?

PAPEdROGA
18th September 2013, 15:38
Credo che il parametro importante sia il peso complessivo del pannello, più che lo spessore. Ma è solo un'ipotesi

Alla fine ho preso 0,8 perché 0,4 mi sembrava, a naso, troppo leggero.

Vedremo.

Mr. Red
18th September 2013, 15:45
Ricordati il primo comandamento dell'acustica diy: qualcosa farà..... :asd

Crj
18th September 2013, 15:52
Ot

Qui c'è un negozio che si chiama "associazione Persia" , vendono tappeti...sarei curioso di sentire che tipo di acustica c'é in quel posto con tutti i tappeti appesi ai muri , penzolanti dal soffitto e arrotolati negli angoli. :) non scherzo

PAPEdROGA
18th September 2013, 15:55
OT

Aprirei un negozio di tappeti solo per poterlo chiamare "Causa Persia"

Crj
18th September 2013, 16:06
:D veramente...mi chiedo come stia in piedi

PAPEdROGA
19th September 2013, 08:12
http://img.tapatalk.com/d/13/09/19/5a4apy8e.jpg

Hanger numero 1.
Per il tempo che porta via, la dimensione, il peso, il prezzo, potevo appendere direttamente dei maiali. Se non altro mi assicuravo da mangiare per i prossimi 5 anni :D

Mikeopen
19th September 2013, 08:14
Ti assicuravi delle ottime salsicce con capicollo :)


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

Mikeopen
19th September 2013, 08:17
Orientativamente quanto ti è costato un Hanger ?


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

PAPEdROGA
19th September 2013, 08:29
Mah, il singolo non viene molto. Anzi.

Facendo un calcolo indicativo, sono:
- 3 fogli di lana (146*2 + 73*2 = h 219cm) = 20€ circa
- pannello di pioppo (220 * 60 * 0.8) = 12€ circa
- tutto il materiale per la realizzazione (legno e viti su cui fissarli ed ancorarli, cordini, colla, nastro, fil di ferro, varie ed eventuali che ancora non conosco perché devo ancora capire il sistema più pratico per realizzarle) = diciamo 3€ per arrotondare
- tempo di realizzazione, tra assemblaggio e montaggio = 1 oretta circa, ma io sono una schiappa e non faccio testo.
Quindi sui 35€ per un' oretta di lavoro ognuno.

Calcolando che per fare 3m * 2 di laterali ne realizzerò 12, spesa e tempo di lavoro restano comunque inferiori a quelli della realizzazione di UN solo risonatore.

Mr. Red
19th September 2013, 08:32
Mah, il singolo non viene molto. Anzi.

Facendo un calcolo indicativo, sono:
- 3 fogli di lana (146*2 + 73*2 = h 219cm) = 20€ circa

Dove la compri la lana di roccia? Io la pago 25 euro a balla.....

PAPEdROGA
19th September 2013, 08:53
Dopo aver testato 6 o 7 materiali diversi, ho preso lana vetro certificata, Isover, con leggero strato di carta per aiutare la posa, con densità e resistenza "su misura".
Una balla (10 fogli da 146 * 60 * 6 cm) mi è venuta a costare sulle 60€, se non ricordo male.

Ho preso anche altri materiali, alcuni mooolto meno costosi. Ma alle prove lavoravano molto meno. Quindi ho preferito spendere di più ma ottimizzare il risultato.

Se poi trovi la stessa lana a quel prezzo... beh, mettiamoci in società e vendiamola. Non sarebbe male come seconda attività, dopo quella di stagionatore di prosciutti che abbattono l' RT60 :D

Hank
19th September 2013, 09:02
Pape,se a Roma c'è,fatti un giro da bricoman che risparmi ;)
Qua a Ferrara c'è,io la lana di roccia la prendo da loro.

http://www.bricoman.it/negozio/edilizia/isolamento-termoacustico/intercapedine/lana-vetro/pannello-isover-145x60x6cm-ckraft0038wm-k-resistenza/10035915/

Cmq...bel lavoro!

Invidia :D

Mr. Red
19th September 2013, 09:02
Io vado dal grossista rockwool, fortunatamente in zona ci sono i più grandi cantieri navali del mondo e la fiat per cui la lana di roccia te la tirano dietro però non ne ho idea se fanno lo stesso tipo di pannelli.
Tralaltro, la prima volta che ci sono andato, quando gli ho chiesto solo 4 balle m hanno quasi riso in faccia perché di solito gli ordini sono da camionate di materiale.
Però, una volta spiegatogli a cosa mi serviva, il titolare, grande appassionato di musica, mi ha preso in simpatia e ogni volta che vado mi regala bustoni e bustoni di scarti già incallophanati a salsiccioni che sono delle ottime corner trap.

PAPEdROGA
19th September 2013, 09:14
Aridaje :D
Non uso roccia. Uso vetro.

Mr. Red
19th September 2013, 09:21
Aridaje :D
Non uso roccia. Uso vetro.

:acc: Ma la rockwool fa solo lana di roccia?

Hank
19th September 2013, 09:21
Si ma il link che ti ho messo io è la stessa lana di VETRO che hai usato tu,l'hai aperto almeno? :D

Detto questo,il lavoro che stai facendo nella regia è molto interessante(invidia!),perchè non apri un 3d?

Magari i mods poi spostano su quello i post scritti qua.

Mr. Red
19th September 2013, 09:23
Eh..... Anche a me mi pareva un po alto 20 euro per tre pannelli.....

PAPEdROGA
19th September 2013, 09:43
Sì Hank, ho visto il link. Ma non so se sia lo stesso materiale. Marca e dimensioni sono quelle, ma la Isover produce molti modelli.

Non sono a Roma, sono a Pescara e qui vicino (20 minuti di macchina) c'è il centro di produzione Isover per il centro e sud Italia. Una serie di capannoni sconfinati che non vi dico...
Sono stato direttamente lì, parlando direttamente con un ingegnere Isover ;)
Da lì sono andato direttamente ai loro rivenditori primari, quindi i loro grossisti, ed ho preso direttamente il modello specifico (che ora non ho sotto mano), che purtroppo costava un bel po' più degli altri.
Prima di arrivare a questo modello ne ho provati altri, sia sempre della Isover, sia di un altro paio di marche, di diverse densità. Idem per la roccia. Ho provato anche un nuovo prodotto Isover venduto "a tappeto" dal prezzo ridicolo... 2€ non a pannello ma a metro quadro.
Le prove sono state lunghe (e pallose). Riempi una parete con 30cm di spessore di un materiale, fai analisi ed ascolti, cambia materiale, ripeti analisi ed ascolti, ecc. Alla fine delle prove ho visto come ogni materiale abbia la sua risposta e come la quasi totalità dei materiali creasse cancellazioni eccessive e "casini" in zona medio bassa, mentre un modello (che ahimé era il più costoso e che sto utilizzando attualmente per i laterali) risultava molto efficace in basso, ma meno invasivo in zona medio bassa.

Saranno pippe mentali?
Sarà lo stesso materiale che avete linkato?
Non posso saperlo. In ogni caso, dato che ho praticamente sventrato uno studio che già suonava ed ho bloccato il lavoro per un mese, preferisco mettere le mani al fortafogli, spendere di più, ma avere un risultato assicurato... che non mi porti tra 2 anni a rifare quello che sto facendo ora.
...altrimenti smetto di missare ed inizio a realizzare studi... o mattatoi :D

Mikeopen
19th September 2013, 10:07
Il lavoro nobilita l'uomo e lo rende simile al papero. Ordunque come già più volte ventilato facciamo prendere forma al post e più gli admin lo renderanno consultabile con un titolo adeguato :)


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

Mikeopen
19th September 2013, 10:10
Dopo aver testato 6 o 7 materiali diversi, ho preso lana vetro certificata, Isover, con leggero strato di carta per aiutare la posa, con densità e resistenza "su misura".
Una balla (10 fogli da 146 * 60 * 6 cm) mi è venuta a costare sulle 60€, se non ricordo male.

Ho preso anche altri materiali, alcuni mooolto meno costosi. Ma alle prove lavoravano molto meno. Quindi ho preferito spendere di più ma ottimizzare il risultato :D

Già che ci sei, per dovizia di informazioni, puoi scrivere esattamente il codice prodotto della lana di vetro isover da te usata ?




Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

PAPEdROGA
19th September 2013, 10:15
Già che ci sei, per dovizia di informazioni, puoi scrivere esattamente il codice prodotto della lana di vetro isover da te usata ?

Volevo farlo, ma non ritrovo la fattura :acc:

Prima o poi salterà fuori. Altrimenti... cosa lo pago a fare il commercialista? :fagiano:

Mikeopen
19th September 2013, 10:20
Semmai "cosa non lo paghi a fare " :D


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

Hank
19th September 2013, 10:27
Saranno pippe mentali?


Non lo so Pape,non ho un'esperienza tale per dirlo:Ma comprendo i tuoi timori.Trattare significa tempo,sbattimento e soldi.E se poi non ottieni quello che credevi a causa del materiale...ti inca**i.

Io stesso fino ad oggi ho usato la lana roccia40 per lo stesso motivo.Ho constatato che funziona,e quindi perchè cambiare,magari rischiando?

Il mio problema è che adesso sto controllando il magazzino del bricoman dal sito ed è sparita la mia solita lana :acc:

PAPEdROGA
19th September 2013, 10:43
Io stesso fino ad oggi ho usato la lana roccia40 per lo stesso motivo.Ho constatato che funziona,e quindi perchè cambiare,magari rischiando?

Anche io ho sempre utilizzato lana da 40, ma vetro. Ma facendo prove su prove ho visto che quella che sto attualmente utilizzando, che è da 20, lavora meglio.
Inizialmente non gli davo peso, ma poi preso dalla mania di perfezionamento (e da paranoie e pippe folli) ho pensato di fare dei test.

...e poi, diciamolo: quante volte vi è capitato che, trattando una stanza, si venissero a creare picchi e valli nel range 200 - 700?
A me molto spesso.

Mr. Red
19th September 2013, 11:04
Intendi picchi e valli che non c'erano prima del trattamento?
Piacerebbe anche a me smontare tutto e ripartire da zero, visto che io ho imbottito la stanza di pannelli prima di sapere che esistessero i microfoni da misura.... :asd
Però le valli finali che ho dovuto correggere coi risonatori di helmotz erano sempre quelle corrispondenti ai modi della stanza.
Diciamo che, a un certo punto, complice anche il fatto che il lavoro ha drasticamente ridotto il tempo a disposizione per la musica, ho deciso di usare la mia stanza per suonare invece di giocare al piccolo ingegnere acustico.... :asd
Tornando a bomba, fungono sti hangers?

PAPEdROGA
19th September 2013, 11:13
Intendi picchi e valli che non c'erano prima del trattamento?

Esattamente.
Intendo dire che alcuni materiali, utilizzati in un certo mdo, portano bilanciamenti in una zona dello spettro ma sbilanciamenti in altre.


Però le valli finali che ho dovuto correggere coi risonatori di helmotz erano sempre quelle corrispondenti ai modi della stanza.

E' piuttosato normale, specie in ambienti con dimensioni non generossisime.
Per questo esiste un approccio, piuttosto "famoso", che prevede di partire realizzando trappole accordate sui modi principali della stanza, per procedere solo poi all' assorbimento wide.


Diciamo che, a un certo punto, complice anche il fatto che il lavoro ha drasticamente ridotto il tempo a disposizione per la musica, ho deciso di usare la mia stanza per suonare invece di giocare al piccolo ingegnere acustico.... :asd

Beato te :D
Io, fin quando non vedrò una linea retta con ascolto ad almeno 3 metri, continuerò a respirare lana minerale e mangiare segatura :D


Tornando a bomba, fungono sti hangers?

Dammi il tempo di finirli e montarli :D
Per ora ne ho solo 3 pronti. Nel pomeriggio cambio sistema e passo direttamente all' incollaggio dei pannelli sul legno. Dovrebbe velocizzare il tutto e domani dovrei poterli montare tutti.
...per poi passare a fare anche la parete frontale :wall

Hank
19th September 2013, 11:15
Anche io ho sempre utilizzato lana da 40, ma vetro. Ma facendo prove su prove ho visto che quella che sto attualmente utilizzando, che è da 20, lavora meglio.
I

Quindi quella isover di cui si stava discutendo è 20kg?

Io avevo problemi in zona 500-100.Quindi più o meno siamo li.Ma il mio trattamento non era totale,inoltre avevo riflessioni dalla scrivania...ecc.Non ho mai dato la colpa al materiale,ma magari invece era quello.Tu quindi cambiando materiale hai risolto?

Sicuro che non sia un problema di posizionamento/geometria/interferenza da schermi,ripiani...ecc?

PAPEdROGA
19th September 2013, 11:20
Sicuro al 100% ;)

Per fare le prove ho tolto tutto quello che poteva rompere le scatole, mettendo gli schermi molto dietro il mic da misura. Lo studio attualmente è vuoto. Ho anche tolto divani e poltrone.

Sì, cambiando materiale sembra che il problema si minimizzi molto.
Ma erano solo delle prove. Ora va realizzato e testato come risponderà montando il tutto.

Mr. Red
19th September 2013, 11:25
E alla fine si scoprì che i buchi dello studio di pape erano dovuti ai divani e alle poltrone.... :asd

PAPEdROGA
19th September 2013, 11:29
Tu ci scherzi, ma quelle bastarde anche stando a 3 metri dal punto d' ascolto il loro buchetto a 150 lo aggiungevano...
Certo parliamo di 1dB, 2 massimo... ora non ricordo di preciso. Ma in ogni caso qualcosa facevano.
Mo' monto delle amache :D

cavaliereinesistente
19th September 2013, 11:31
E alla fine si scoprì che i buchi dello studio di pape erano dovuti ai divani e alle poltrone.... :asd

Beh, a parte lo scherzo, quelli in genere danno più vantaggi che svantaggi...

Edit
A patto di essere permeabili...


Sent from my iPhone using Tapatalk

Mr. Red
19th September 2013, 11:37
I divani e le poltrone fanno eccome.....
Una delle trappole più efficaci del mio studio è un materasso matrimoniale schiaffato davanti all'apertura una nicchia (davanti al rest della quale c'è un armadio) di cui non ricordo la cubatura ma, per farvi capire, ci starebbero dentro 12 scaldabagni..... :asd

cavaliereinesistente
19th September 2013, 11:44
Appunto


Sent from my iPhone using Tapatalk

Gibert5
19th September 2013, 18:08
Non lo so Pape,non ho un'esperienza tale per dirlo:Ma comprendo i tuoi timori.Trattare significa tempo,sbattimento e soldi.E se poi non ottieni quello che credevi a causa del materiale...ti inca**i.

Io stesso fino ad oggi ho usato la lana roccia40 per lo stesso motivo.Ho constatato che funziona,e quindi perchè cambiare,magari rischiando?

Il mio problema è che adesso sto controllando il magazzino del bricoman dal sito ed è sparita la mia solita lana :acc:

da bricoman adesso hanno la Isover par...
almeno i dati tecnici includono la resistività al flusso...però non è molto densa....sarà intorno ai 15Kg e devi andare su spessori ben maggiori di 15cm!

la par70 è 10m lineari e 60cm di larghezza e costa circa 20€

PAPEdROGA
19th September 2013, 18:45
da bricoman adesso hanno la Isover par...
almeno i dati tecnici includono la resistività al flusso...però non è molto densa....sarà intorno ai 15Kg e devi andare su spessori ben maggiori di 15cm!

la par70 è 10m lineari e 60cm di larghezza e costa circa 20€

Provata. E' più o meno come non mettere niente.
Ne ho 4 rotoli buttati qui...

Gibert5
19th September 2013, 18:50
strano...
con che spessori?
io con 40cm i risultati li vedo...
non ho provato molti modelli (3 in totale), però il suo sporco lavoro lo fa...

PAPEdROGA
19th September 2013, 19:30
Con lo stesso spessore, con altri modelli, hai prestazioni ben differenti che imho non giustificano l'utilizzo di tutto quello spazio con i Par.
Ma comunque sono discorsi che hanno senso solo in fase di progettazione. Se il materiale è già in opera ed il risultato è raggiunto, sti cavoli del resto ;)

Barbapapà
19th September 2013, 19:40
...da un ricordo abbastanza vago, mi pare che l'assorbente da me è fatto con 15 cm di pannelli da oltre 100, mi pare 130 k m3 e i corner traps sono più di 80 cm pieni.

Gibert5
19th September 2013, 19:43
no aspè...
mi confondo io....

quello da 40cm (di cui mi avevi pure chiesto info), è pieno di Knauf...sono pannelli da 1350x60....tp116 o 115 ora non ricordo!

ho due rotoli da 10metri lineari del PAR45...
li devo ancora usare e francamente adesso mi fai pure venire un atroce dubbio sulla loro efficacia!!
io mi sono basato sulla resistività al flusso per fare i calcoli teorici, però ho sempre ignorato queste differenze tra modelli di ugual caratteristiche...
per caso, alla Isover, hai chiesto come mai i risultati acustici possono essere così diversi con materiali apparentemente identici?

comunque, devo rivestire il sottotetto dell'appartamento e se fa schifo, uso il PAR per quello scopo, e me ne servirà pure dell'altro!!

grazie Pape, grazie di cuore!!! :D
ora dovò prendere qualcosa per fare delle prove....quello che fa schifo, finisce nel sottotetto...peccato che non ho modo di togliere tutto e i risultati saranno un pò meno chiari...

Hank
19th September 2013, 21:00
Rettifico,sono andato al bricoman a verificare di persona e la tengono ancora. :k:

Gibert5
19th September 2013, 21:12
sempre quella di roccia da 40Kg?

Mr. Red
19th September 2013, 21:19
...da un ricordo abbastanza vago, mi pare che l'assorbente da me è fatto con 15 cm di pannelli da oltre 100, mi pare 130 k m3 e i corner traps sono più di 80 cm pieni.

Per curiosità, sai dirmi di che volume sono le intercapedini dietro?

Barbapapà
19th September 2013, 22:00
...dietro agli angoli non c'è intercapedine.

Mr. Red
19th September 2013, 22:05
dicevo la parete posteriore......

Barbapapà
19th September 2013, 22:32
non c'è intercapedine nemmeno dietro, c'era un passaggio ma fu murato con una parete di mattoni alveolari. Le uniche camere d'aria sono sui lati e sul soffitto, tra la struttura portante e le armature interne.

lordadb
20th September 2013, 09:02
Ok, credo che debba creare due discussioni distinte per dare maggiore leggibilità e migliorare la futura consultazione, come dice Mike.

Mikeopen
20th September 2013, 09:28
Puoi anche cambiare il titolo al. 3ad non c'è problema. :)


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

Hank
20th September 2013, 09:33
sempre quella di roccia da 40Kg?

Yes,la mia solita.

Mr. Red
20th September 2013, 09:40
Alla fine della giostra ognuno arriva al suo risultato con un determinato materiale ed una determinata filosofia di correzione...... :asd
Facendo un parallelo, una volta feci una interessantissima chiacchierata con un tipo che ha una ditta che fa insonorizzazioni per le discoteche e mi disse che per lui, se il cliente non è disposto a perdere almeno un paio di metri del perimetro della sala, insonorizzare è impossibile.... :asd

PAPEdROGA
20th September 2013, 10:15
Alla fine della giostra ognuno arriva al suo risultato con un determinato materiale ed una determinata filosofia di correzione...... :asd

Sai cosa... io, invece, penso che molto spesso ci autoconvinciamo di essere arrivati al risultato. Perché provare tutte le strade è impossibile. Perché non sempre conosciamo come suona un ambiente top. Perché sappiamo accontentarci. Perché ogni scarrafone ecc. Perché alla fine non a tutti interessa o serve avere un ambiente che suoni mostruosamente. Perché magari ci fossilizziamo a guardare una linea retta su un software di analisi free. Ecc.

Non insultatemi. Non offendetevi. Non è un attacco, solo una riflessione. La stessa riflessione che mi ha portato a smontare una regia di 40mq già sonorizzata e con questa risposta.

288

Non credo sarebbero stati in molti a fare lo stesso. Proprio perché il pensiero di fondo è sempre: "sì, tanto la mia stanza suona bene".

Ripeto, non prendetemi per spocchioso. Non vuol essere un attacco ma solo un riflessione.
Del resto anche io ero convinto di avere un ambiente super, prima di entrare in una sala che aveva davvero una risposta spaziale.

Ma, in tutto ciò, la cosa che mi sconvolge di più è che nella maggior parte delle regie in cui sono stato, anche di studioni pazzeschi, anche fuori italia, anche con banconi tipo SSL, l' acustica era dal mediocre al vergognoso. In alcuni casi proprietario e/o tecnici residenti credevano che la correzione acustica fosse "il piombo".
E' incredibile come si possa essere più preparati ed avere risultati migliori in campo home, a volte.

Mr. Red
20th September 2013, 10:28
Sai cosa... io, invece, penso che molto spesso ci autoconvinciamo di essere arrivati al risultato. Perché provare tutte le strade è impossibile. Perché non sempre conosciamo come suona un ambiente top. Perché sappiamo accontentarci. Perché ogni scarrafone ecc. Perché alla fine non a tutti interessa o serve avere un ambiente che suoni mostruosamente. Perché magari ci fossilizziamo a guardare una linea retta su un software di analisi free. Ecc.

Non insultatemi. Non offendetevi. Non è un attacco, solo una riflessione. La stessa riflessione che mi ha portato a smontare una regia di 40mq già sonorizzata e con questa risposta.

288

Non credo sarebbero stati in molti a fare lo stesso. Proprio perché il pensiero di fondo è sempre: "sì, tanto la mia stanza suona bene".

Ripeto, non prendetemi per spocchioso. Non vuol essere un attacco ma solo un riflessione.
Del resto anche io ero convinto di avere un ambiente super, prima di entrare in una sala che aveva davvero una risposta spaziale.

Ma, in tutto ciò, la cosa che mi sconvolge di più è che nella maggior parte delle regie in cui sono stato, anche di studioni pazzeschi, anche fuori italia, anche con banconi tipo SSL, l' acustica era dal mediocre al vergognoso. In alcuni casi proprietario e/o tecnici residenti credevano che la correzione acustica fosse "il piombo".
E' incredibile come si possa essere più preparati ed avere risultati migliori in campo home, a volte.
Quotone integrale!!!! :k:
Io ho fatto la scelta di fermarmi dopo 3 anni in cui anche sulla spiaggia sotto il sole leggevo everest ma solo perché ho iniziato a fare altro di lavoro.....

Hank
20th September 2013, 10:40
Non insultatemi. Non offendetevi. Non è un attacco, solo una riflessione.


Non so chi si dovrebbe offendere,io no.
Condivido il tuo post e le tue riflessioni.Sto modificando il mio studietto in questo periodo proprio per vedere se riesco ad andare ancora più in la di quello che ho ottenuto.Sebbene io sia un dilettante e non ci campo,sebbene io abbia a disposizione una stanza da 12mq.Magari averne 40 a disposizione.


Non sono però come te così fissato su densità e marca di lana minerale.Semmai su cosa fa un pannello,dove lo posizioni,che spessore ha...ecc.Su cosa succede ad un'onda quando incontra un materiale fibroso...e altro.Sul perchè la lana funziona e in che modo,sul perchè a volte non funziona.
Io in 12 mq (DODICI METRI QUADRI) sono arrivato qua:

289

Sono +/- 3,5Db.
Potrei già baciarmi i gomiti,ma ho deciso di fare dei cambiamenti lo stesso.Vediamo se miglioro,magari anche no.

Bene,dopo questa,vado a prendere un po' di lana.:D

PAPEdROGA
20th September 2013, 10:43
Hai controllato l' RT60 sulle basse? Vedendo così il grafico, sembra che in basso ci sia un bel po' di informazione.
Sei contro la parete posteriore?

PAPEdROGA
20th September 2013, 10:59
Scusa, più che leggere l' RT60 con la funzione specifica di REW, imho conviene leggere il Waterfall, impostando il limite minimo a -60dB.

Calcola che REW mi diceva che avevo 0.3s circa su medie ed alte anche a studio vuoto... mentre all' udito sembrava di essere dentro la BatCaverna :D

Hank
20th September 2013, 11:02
Tranquillo,di problemi ne ho ancora tanti.Sennò non farei le modifiche.

Il succo del mio discorso(non diretto a te) era ed è che se avessi dato retta a certi miti da forum(non tuoi) non sarei nemmeno partito col trattamento di una stanza così piccola,con lana roccia da 40 (l'unica che trovavo agevolmente) e in una stanza così piccola.

Comunque guarda,ti posto il file REW così ti passi il tempo a trovare tutti i difetti del caso.

http://www.mediafire.com/?db1c7z48b4t8l8v

Detto questo,ho come l'impressione che i miei interventi non siano graditi.Sbaglio?La mia intenzione non è contraddirti,se ti sei fatto quest'idea sei fuori strada.
Semmai era dare una mano,riportare anche quello che ho imparato anche io,magari può servire anche a te o a chi legge questi 3d.
Oppure non servire a nessuno :)

PAPEdROGA
20th September 2013, 11:13
Non graditi?
Ma scherzi??

No Hank, sbagli di grosso. I tuoi interventi sono stati utili e, in alcuni casi, anche illuminanti ;)

Scusa se mi sono permesso di farti notare un possibile problema. Non volevo rompere le scatole. La prossima volta evito e siamo tutti più tranquilli :)

Ps: no, non passerò il tempo a trovare i difetti del caso. Volevo solo darti una mano, visto che tu l' hai data a me.

Barbapapà
20th September 2013, 11:53
Pap,
ci sono designer il cui parere è che una regia con limiti dimensionali precostituiti sia già di buon livello con una differenza tra peaks and dips di 10 dB. Però mi ponevo un quesito e cioè come introduci il suono per il controllo? Hai degli speakers in grado di iniettare tutto lo spettro flat? Diversamente stai tarando l'ambiente per un monitor specifico?

PAPEdROGA
20th September 2013, 12:08
Infatti. Come dicevo, ho parlato con diversi progettisti ed ho notato che ognuno ha il suo modo personale di vedere la cosa.
Del resto credo sia giusto così. Sono convinto che se entriamo nella regia di CLA, di Wallace e di Staub, suoneranno in modo completamente differente l' una dall' altra, e probabilmente una di loro avrà anche picchi e valli incredibili. Eppure...

Sì, il sistema di monitoring è fondamentale per capire il lavoro che si sta facendo. Ma... dipende da come effettui il trattamento.
E' chiaro che se fai le analisi utilizzando delle NS10, non potrai pretendere di avere tante 30 quante 2k. Se ti dovessi ritrovare una risposta simile, di sicuro al 100% hai sbagliato tutto.
Imho, il target definitivo è avere un ambiente che riproduca fedelmente le caratteristiche dei monitor. Quindi l' importante è avere una curva target dei tuoi monitor e vedere quanto il tuo ambiente si discosta da quella curva.
Nel mio caso ora sto utilizzando un sub B&W per testare la zona bassa (20 - 100Hz), una coppia di mid Tannoy con cui testare dalle 40 in su con ascolto distanziato e le NS10.

Certo, una coppia di 802 sarebbe un sistema più fedele. Ma credo che nessuno le inserirebbe mai in questa nebulosa di lana di vetro. Ho levato anche i convertitori e rimontato l' Ergo, per evitare che si ammappassero...

Hank
20th September 2013, 12:23
Non graditi?


Scusa se mi sono permesso di farti notare un possibile problema. Non volevo rompere le scatole. La prossima volta evito e siamo tutti più tranquilli :)



Tranq anzi,scusa tu,perchè mi rendo conto alle volte che i miei interventi in questo 3d possano dare adito al pensiero che ti voglia contraddire solo per il gusto.
Ci tenevo solo a specificare che non è così.E non voglio certo fare la parte della maestrina. :)

Ci vuole pazienza con gli hobbysti,non lo sai? :D

Bon dai.Andiamo avanti.

PAPEdROGA
20th September 2013, 12:26
Contraddimmi ( :D ) tutte le volte che vuoi. La materia è talmente ampia e complessa che ho il vago presentimento che siamo tutti dei potenziali ignorantoni, "guru international" compresi ;)

Hank
20th September 2013, 12:30
siamo tutti dei potenziali ignorantoni, "guru international" compresi ;)

I agree.Bello vedere come si scannano ogni tanto su GS :D

Mikeopen
20th September 2013, 12:38
E già :) la materia è così vasta che almeno 10 modi di procedere saranno validi e percorribili.
È anche vero che ( purtroppo) dovremmo rivedere in ambito Home il progetto qualora si cambino gli ascolti. Soprattutto se si sposa la filosofia di ricerca di Giampiero, in cui la tolleranza di 1 db non è contemplata.



Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

Barbapapà
20th September 2013, 12:54
ok, quindi non puoi stimare differenze troppo sottili ed universali pechè usi dei riferimenti in qualche modo empirici. Mi chiedo però che possibilità hai di migliorare se la situazione di partenza era +-3,5.

Gibert5
20th September 2013, 17:51
Yes,la mia solita.

ottimo...
se non l'hai presa tutta, allora la provo!

PAPEdROGA
20th September 2013, 17:53
Mi chiedo però che possibilità hai di migliorare

Ah, non so. Vedremo. Magari suonerà peggio... in quel caso mi basta rimettere tutto come prima :)

Novalium
21st September 2013, 13:37
C'è una cosa che non capisco sui buffle, hunger, appese che dir si voglia: ma in linea teorica non andrebbero montate a vista e non dietro una parete di cartongesso? Scusatemi se mi sono perso qualcosa ma sia dalle foto dello studio di Wagener che da quelle di Pape mi sembra che siano predisposte dentro la parete. :eek:

AEB31415
21st September 2013, 13:46
No, la parete non è in cartongesso, ma in tessuto "traspirante".

Mikeopen
21st September 2013, 15:03
No, la parete non è in cartongesso, ma in tessuto "traspirante".

Grazie :D
Lo avevo chiesto un tot di post fa :)
Adesso cerchiamo di definire parete in tessuto traspirante così avremo altri elementi utili per la fase progettuale .


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

znal_lanz
21st September 2013, 21:38
Si possono impiegare materiali che vanno dal feltro fino ai tessuti non tessuti, anche il rivestimento interno ha la sua funzione, dall'estetico fino alla membrana più o meno porosa, passando per il 100% poliestere ignifugo (tipo ilTrevira CS).

Da non sottovalutare l'impiego del feltro, che qua non se lo considera quasi nessuno ma ha delle caratteristiche interessanti.

Gibert5
21st September 2013, 23:12
il feltro costa anche poco, rispetto ad altri tessuti!
io l'ho usato per rivestire le trappole, prima di mettere del tnt come rivestimento puramente estetico...

Novalium
25th September 2013, 13:44
Si possono impiegare materiali che vanno dal feltro fino ai tessuti non tessuti, anche il rivestimento interno ha la sua funzione, dall'estetico fino alla membrana più o meno porosa, passando per il 100% poliestere ignifugo (tipo ilTrevira CS).

Da non sottovalutare l'impiego del feltro, che qua non se lo considera quasi nessuno ma ha delle caratteristiche interessanti.

Mi potresti spiegare le caratteristiche interessanti del feltro? Io ho sempre pensato che, come la moquette, agisse prevalentemente sulle alte smorzandole e quindi non fosse propriamente utile.

znal_lanz
25th September 2013, 15:46
Sia chiaro, non ho detto che il feltro (di lana o sintetico) è meglio o peggio. Ho detto che è un materiale con caratteristiche interessanti.

Fatta questa premessa è possibile dire che:

- costa relativamente poco
- presenta caratteristiche elastiche che lo rendono adatto alla sospensione dei pavimenti.
- Ha una resistenza al flusso paragonabile a quella delle fibre minerali
- può presentare comportamenti "da membrana".
- è incollabile
- è trattabile in modo che assuma un comportamento ignifugo classificabile
- è trattabile in modo che risulti inattaccabile da parassiti e funghi (quindi resistenza all'umidità)

Non sto quindi parlando di rivestire le pareti di feltro.

Hank
25th September 2013, 16:31
Znal per feltro si intende anche ad es l'agugliato al metro che trovi nei vari negozi di bricolage?

znal_lanz
25th September 2013, 17:07
Per feltro intendo questo qui:

Feltro (http://www.feltrificiobiellese.it/it/prodotti/feltri-standard)

Poi ci sono anche i feltri in fibra minerale, ma sono un'altra cosa.
L'agugliato non so cosa sia

Hank
25th September 2013, 19:06
Quello che chiamano anche moquette pressata.

Tipo questo agugliato (http://www.bricoman.it/negozio/rivestimenti/moquette-gomma-pvc/moquette/agugliato-stand-nero-sp-27-mm/10031256/)

Gibert5
25th September 2013, 19:11
mah...
io per feltro intendo questo:
http://www.shoplombardelli.it/2662-thickbox_default/feltro-poliestere-tnt-200-gr-mq-ml-1x50-tessuto.jpg

anche il feltro che si usa sul piatto dei vinili, è simile....

quella moquette mi sembra un pò diversa.....
mi sbaglio?non mi sbaglio?
si?

no?



boh?

Hank
25th September 2013, 19:18
mi sbaglio?non mi sbaglio?
si?

no?



boh?

Azzo ne so?!?Che ne saccio??Sennò mica chiedevo.

92!

znal_lanz
26th September 2013, 07:57
Boh anche per me. La foto non è molto esplicativa.

Comunque il materiale di cui ho parlato non è moquette.

Hai presente quel materiale con cui è rivestito lo smorzatore di un pianoforte (feltro più morbido) oppure quello con cui è rivestito il martello (feltro più duro), sempre del pianoforte? Ecco, quello è il feltro di cui parlo.

E' feltro di lana + poliestere (quello di pura lana costa di più). E' tornato un po' in auge con tutto il discorso di bioedilizia che c'è in questi anni.

Novalium
26th September 2013, 11:55
Avete presente il mesh? Lo usano per fare i banner da esterno che si vedono davanti agli impianti a volte, dovrebbe essere fonotrasparente giusto? 301

Mikeopen
26th September 2013, 12:52
Credo che il mesh sia parecchio più costoso del feltro


Inviato dal mio iPhone con tapatalk preso aggratis :)

Novalium
26th September 2013, 13:25
Stampato con quello che vuoi tu costa una decina di €/mq a seconda delle dimensioni. Il feltro non è stampabile ma monocolore di solito e costa sui 5 €/mq.

Gibert5
26th September 2013, 17:35
http://img11.imageshack.us/img11/8554/feltroa.jpg

qua dovrebbe essere un pò più chiaro...
comunque si, anch'io per feltro intendo quel materiale, tipo appunto il feltro nei pianoforti...

PAPEdROGA
1st November 2013, 11:55
Uppo la discussione per aggiornare le info sugli hanger.

Ho appena montato la prima fila di hanger dietro il punto d' ascolto. Qui potete vedere una foto e le analisi prima/dopo (giallo/blu)

332

333

Sono montate a 120cm dalla parete di fondo e presto ne verranno montate altre 4 file, per un totale di 3 file in verticale e 2 in orizzontale.

Le analisi sono senza smoothing, per poter capire meglio la risposta delle trappole.
In zona 100-160Hz, attualmente ed in quella posizione, sembrano sì lavorare ma non in modo impressionante. E' impressionante, invece, il lavoro che hanno fatto sui 62Hz circa, passand da un -24dB ad un -8.
16dB di linearizzazione su un nodo specifico (che dovrebbe corrispondere alla terza modale della lunghezza: 3 0 0), con soli 10cm di spessore, non mi sembra davvero niente male.

Procedo a montare qualche altro pannello, sperando che l' aumento dell' assorbimento dia l' effetto sperato.

Se avete domande e curiosità, sono qui :)

Hank
1st November 2013, 12:57
16dB di linearizzazione su un nodo specifico (che dovrebbe corrispondere alla terza modale della lunghezza: 3 0 0), con soli 10cm di spessore, non mi sembra davvero niente male.



Secondo me quella non è una modale ma una sbir/lbir.Se guardi le due misurazioni a me sembra shiftata in frequenza.Inolltre è molto ripida e stretta,il che mi rafforza la convinzione.E quando si parla di sbir,basta spostare di qualche centimetro il mic o il monitor per avere sbalzi di quel tipo,cioè 10-15db oltre al leggero shift in freq.
Ma...è solo la mia idea.Magari sbaglio.
Sono cose che ho notato nei miei deliranti esperimenti di trattamento acustico. :)

Edit: Non dico che fai male a fare gli Hanger,tuttaltro,anzi,te li invidio,io non ho la possibilità di farli.Sennò li farei pure io.

PAPEdROGA
1st November 2013, 13:04
Sì, è possibilissimo. Va anche detto, però, che non ho spostato né mic né monitor.
Comunque è una giusta osservazione.

AEB31415
1st November 2013, 13:09
Ma se fosse una SBIR sarebbe dovuta salire in frequenza al ridurre la distanza dalla parete posteriore( anche se in questo caso parliamo solo di una riflessione parziale vista la massa del pannello) piuttosto che scendere come sembra essere in questo caso.

PAPEdROGA
1st November 2013, 13:17
Potrebbe essere di tutto. Il fatto che coincida con una modale e che me la sia ritrovata in diverse misurazioni mi fa immaginare che sia una modale, ma potrebbe davvero essere di tutto.

Intanto ho fatto una prova a caso, di quelle che ci piacciono tanto :D
Ns10 a 320cm di distanza, punto d' ascolto spostato a 2/3 e ruotato di 180°

334

Onestamente, non ho mai visto questa linearità sulle basse con una coppia di NS. Certo c'è ancora moltissimo da sistemare ma... siamo a 320cm con ancora parte dei laterali da fare e soffitto da fare da zero. Sembrerebbe promettere bene... ma poi magari vado avanti con i lavori e si sballa tutto :wall

Edit: Tannoy a 350cm

335

Hank
1st November 2013, 13:23
Ma se fosse una SBIR sarebbe dovuta salire in frequenza al ridurre la distanza dalla parete posteriore( anche se in questo caso parliamo solo di una riflessione parziale vista la massa del pannello) piuttosto che scendere come sembra essere in questo caso.

Io ho detto sbir,non sbir causata dal muro posteriore :) .Da dove venga non lo posso sapere,dato che non conosco nè le dimensioni della stanza,nè le posizionidel punto di ascolto e dei monitor.

In caso che venga dal muro posteriore allora sarebbe giusto il tuo ragionamento,ma se invece viene dal muro frontale o laterale?O dal soffitto?Non pensare sempre e solo alla roba che ti arriva da dietro dai :D :P

Hank
1st November 2013, 13:25
Sì, è possibilissimo. Va anche detto, però, che non ho spostato né mic né monitor.
Comunque è una giusta osservazione.


Guarda che basta qualche centimetro eh...Però se sei così sicuro,bon. :birra:

PAPEdROGA
1st November 2013, 13:30
Eheheh Hank, ormai non sono più sicuro di nulla.
Anzi sì, di una cosa sono sicuro... che ho smesso di fumare per poi decidere di disintegrarmi i polmoni con qualcosa di ancora più costoso :D

Comunque ripeto... potrebbe tranquillamente essere come dici tu. Ora ho spostato tutto quindi non ho la possibilità di tornare nell' esatta posizione di prima, altrimenti se interessava potevamo cercare di stabilirlo.

Gibert5
1st November 2013, 14:32
io dal grafico però il shift non lo vedo...
se non per quello nella zona 400-600Hz

a 60Hz però mi sembra di vedere anche una bella valle a q larga...e mi ricorda tanto la situazione che ho nel lato sx e che sto cercando di risolvere.

@ Pape, wuaz Lana di vetro you hev utilyzed?

PAPEdROGA
1st November 2013, 16:07
a 60Hz però mi sembra di vedere anche una bella valle a q larga...e mi ricorda tanto la situazione che ho nel lato sx e che sto cercando di risolvere.

Decisamente. Ci sono due problematiche principali, intorno ai 62 ed ai 125... che sono prima e seconda modale dell' altezza, ancora non trattata.

Nel tuo caso hai idea da cosa possa dipendere? disposizione e trattamento sono simmetrici?


@ Pape, wuaz Lana di vetro you hev utilyzed?

Alla fine ho utilizzato 3 tipi diversi di lana di vetro. La 20kg Isover sui laterali (mi sembrava scendere leggermente meno in basso ma lavorare meglio da 100 a 300 circa), Isover da 40Kg per la fila più esterna di hangers a fondo parete ed una lanaccia di Leroy Merlin per la fila più addossata alla parete (infatti, non so se dipenda dalla qualità della lana o da altro, ma questa fila di hangers sembra portare modifiche minimali).

Cmq c'è ancora un mare di lavoro da fare. Che ddu balls...

Gibert5
1st November 2013, 16:45
Decisamente. Ci sono due problematiche principali, intorno ai 62 ed ai 125... che sono prima e seconda modale dell' altezza, ancora non trattata.

Nel tuo caso hai idea da cosa possa dipendere? disposizione e trattamento sono simmetrici?

la disposizione è simmetrica...
io ho problemi tra i 60 e gli 80Hz con campana larga+campana stretta a 70Hz (lato sx), sul lato destro non ho la valle a q stretta ed il problema è meno marcato.

Poi ho un bel picco a q stretta a 113Hz.

ad essere sincero non ho guardato quali sono le modali, ma mi viene da pensare comunque al soffitto come principale causa, ancora non trattato per niente.

c'è da dire che non ho nemmeno completato le trappole ai lati e agli angoli....
a destra è ancora completamente spoglio e a sinistra ho due sole trappole broadband.

prove al volo mi hanno comunque fatto notare che trattando parzialmente il lato dx, la situazione rimane invariata per quanto riguarda questi difetti macro...
sto verificando se il problema sono le trappole poco efficaci o altro.....

PAPEdROGA
1st November 2013, 18:15
60 - 120 sono i classici problemi derivati da soffitti bassi classici, ovvero sui 275 circa... come il mio.
Quanto è alto il tuo soffitto?

Gibert5
1st November 2013, 19:40
285 aprox :)

Hank
1st November 2013, 19:52
io dal grafico però il shift non lo vedo...
se non per quello nella zona 400-600Hz

a 60Hz però mi sembra di vedere anoche una bella valle a q larga...e mi ricorda tanto la situazione che ho nel lato sx e che sto cercando di risolvere.

@ Pape, wuaz Lana di vetro you hev utilyzed?

Lo shift a cui mi riferivo nello specifico è quello vicino ai 60hz.Ma se guardi l'immagine,ci sono diversi picchi e valli spostati di poco,il che fa pensare ad un leggero spostamento del mic nelle due misurazioni.Facci caso che alcuni picchi e valli del grafico blu sono leggermente più a sinistra.Ma Pape ha già detto però che il mic era nella stessa posizione.

PAPEdROGA
1st November 2013, 19:53
285 aprox :)

Allora sai quali dovrebbero essere le cause principali ;)

Intanto proseguo con il resoconto, se a qualcuno dovesse interessare.
Ho spostato gli hangers (si dirà gli o le hagers?) anteriori, che erano quasi attaccati alla parete di fondo, portandoli più avanti di una 30ina di centimetri, portato le Tannoy a 320cm, posizionandomi a 2/3 della lunghezza... questa la risposta attuale, con smoothing ad 1/6:

336

C'è ancora molto da fare, ma si inizia a vedere una luce in fondo al tunnel... :)

Hank
2nd November 2013, 12:01
Quindi hai riscontrato benefici staccando gli hangers dal muro?Hai una misurazione prima/dopo?

Direi che si,sei sulla buona strada :k:

Novalium
2nd November 2013, 12:48
Ho spostato gli hangers (si dirà gli o le hagers?)


"Hanger" in inglese è neutro la regola vuole che venga usato l'articolo della parola corrispondente in italiano. Non nostro caso "hanger" significa "gancio" quindi si usa l'articolo maschile. Però in italiano non si declina il plurale delle parole straniere. Quindi tu stai montando un hanger oppure dieci hanger, ma non monterai mai sette hangers*. :D

PAPEdROGA
2nd November 2013, 13:42
Quindi hai riscontrato benefici staccando gli hangers dal muro?Hai una misurazione prima/dopo?

Sì, mi risultano più efficaci staccandoli. Ma credo sia del tutto normale. Allontandoli hai la possibilità di dissipare maggiore energia.

Purtroppo non ho mantenuto la misurazione prima/dopo, mi spiace.
Novalium: ammazza oh, ma chi sei, Flanagan (http://www.youtube.com/watch?v=A9NrwddmGjc)? :D
Tnx ;)

Mikeopen
5th November 2013, 13:54
Io continuo a seguire...anche offline.
Attualmente mi sono ridotto a premissare in cuffia..e sto bordello deve finire :(


Inviato dal mio iPhone con Tapatalk (http://tapatalk.com/m?id=1) preso aggratis :)

PAPEdROGA
5th November 2013, 16:43
Ok ragazzi, vi prego, spiegatemi questa:

Avevo un buco maledetto, puntato sui 145Hz, in ogni posizione di casse e ascolto.

357

Sono impazzito per settimane per tentare di capire da cosa potesse derivare. Poi non avendo più idee mi sono convinto a smontare il trattamento sopra il punto d' ascolto e....

358

Scomparso del tutto.
Perché???

La cosa assurda che ho notato è che, mandando una sinusoide a 145Hz, i pannelli di lana di vetro (vecchio trattamento su alcune zone laterali e soffitto) andavano in vibrazione. Che si stessero comportando da risonatori puntati su una frequenza? E perché?

Pazzesco...

Mikeopen
5th November 2013, 16:49
E se io ti dicessi che avendo svuotato l'armadio alla mia sinistra è spuntata una risonanza a 180 che mi dici ? http://img.tapatalk.com/d/13/11/05/u7uqy6ep.jpg
Ho dovuto riempirlo di nuovo :(


Inviato dal mio iPhone con Tapatalk (http://tapatalk.com/m?id=1) preso aggratis :)

PAPEdROGA
5th November 2013, 17:08
Quello è piuttosto normale. L' armadio ti funge da trappolone ed i vestiti all' interno attutiscono/assorbono e spalmano l' intervento in un range di frequenze più largo. Svuotandolo, ciò che prima veniva assorbito ora sarà libero di spaccarti la m..... :D

Mikeopen
5th November 2013, 17:58
Ma c'erano solo riviste ed altra robaccia, insomma nulla a cui attribuissi un reale potere assorbente.


Inviato dal mio iPhone con Tapatalk (http://tapatalk.com/m?id=1) preso aggratis :)

PAPEdROGA
5th November 2013, 18:25
Allora probabilmente facevano massa. Comunque è una cosa che capita piuttosto normalmente, purtroppo.

Gibert5
5th November 2013, 18:44
io avevo un mobiletto sulla mia sx e questo mi creava un buco a 130Hz stretto e ripidissimo....
all'epoca era vuoto e il pannello sul retro vibrava a quella frequenza.

ora è nello stesso posto, ma è pieno di vinili e non fa più un cavolo :D

Cracker
5th November 2013, 18:51
ora è nello stesso posto, ma è pieno di vinili e non fa più un cavolo

Per risolvere i problemi acustici, comprate dei dischi.
Buoni, però ;)

Mr. Red
5th November 2013, 19:24
E se io ti dicessi che avendo svuotato l'armadio alla mia sinistra è spuntata una risonanza a 180 che mi dici ? http://img.tapatalk.com/d/13/11/05/u7uqy6ep.jpg
Ho dovuto riempirlo di nuovo :(


Inviato dal mio iPhone con Tapatalk (http://tapatalk.com/m?id=1) preso aggratis :)

La carta assorbe eccome.....
Qui a napoli c'è una strada, vicino al conservatorio, dove ci sono tutti antichi negozi di strumenti musicali e quasi tutti hanno un controsoffitto imbottitto di carta e cartoni per insonorizzare.

PAPEdROGA
27th February 2015, 12:46
Ciao a tutti,

stavo pensando che non ho poi mai postato il grafico della risposta in frequenza della mia regia a lavori QUASI (quel tipo di "quasi" che diceva anche Penelope...) ultimati.
Ho seguito, per quanto possibile, un approccio tendente al Non Environment. Monitor B&W 703 (http://www.bootic.com/b-w/electronics/audio/audio-components/speakers/b-w-703) a 250cm dal punto di ascolto.

http://www.giampieroulacco.com/Temp/ItaliaRec/MixRoom/analisi_01.jpg

Che ne dite?

lordadb
27th February 2015, 13:53
Decisamente sorprendente. :k:

PAPEdROGA
27th February 2015, 18:22
Grazie Lord.
Mancano un paio di trappole sul soffitto che dovrebbero linearizzare ulteriormente sui 150 e sui 600.

Per il resto, al di là di qualsiasi grafico, la differenza in ascolto (ed in mix) rispetto al punto di partenza è... indescrivibile. Un altro mondo.
Questo mi fa capire non solo quanto sia relativa una misurazione, ma anche quanto "piccole differenze" in analisi possono tradursi in enormi differenze in ascolto.

Utente Bannato
27th February 2015, 20:09
Ottimo risultato, complimenti Gian.
Rispetto alla situazione che avevi precedentemente cosa è cambiato? Te lo chiedo per capire l'entità dei miglioramenti che hai appurato in relazione all'entità delle differenze.
Ciao

Novalium
27th February 2015, 20:11
Minchia ma ti riproducono anche i 5 Hertz?

lordadb
28th February 2015, 02:37
Grazie Lord.
Mancano un paio di trappole sul soffitto che dovrebbero linearizzare ulteriormente sui 150 e sui 600.

Per il resto, al di là di qualsiasi grafico, la differenza in ascolto (ed in mix) rispetto al punto di partenza è... indescrivibile. Un altro mondo.
Questo mi fa capire non solo quanto sia relativa una misurazione, ma anche quanto "piccole differenze" in analisi possono tradursi in enormi differenze in ascolto.

Pure perché mi ricordo che avevi un ascolto lineare pazzesco anche prima di metterti a rifare tutto.
Di' un po', hai resistito alla voglia di ritoccare qualcosa di mixato precedentemente ai lavori dopo averla riascoltata nel nuovo ambiente?...

PAPEdROGA
28th February 2015, 11:32
Rispetto alla situazione che avevi precedentemente cosa è cambiato? Te lo chiedo per capire l'entità dei miglioramenti che hai appurato in relazione all'entità delle differenze.

E' cambiato il mondo, davvero.
Avevo già postato un grafico con l' RT della vecchia regia, che era +/-3 @ 30 - 20k, ma...

1) l' analisi era a terzi di ottava, mentre in questo caso è ad 1/48, quindi praticamente senza smoothing (e sappiamo quanto incide nelle analisi);
2) l' analisi era in nearfield, a 130cm circa, mentre ora ascolto ed analisi sono far, dove quindi l' influenza dell' ambiente aumenta esponenzialmente;
3) l' analisi era con subwoofer "posizionato, tagliato e tarato" per avere un RT più lineare, mentre ora tutto il segnale viene dallo speaker, con una coerenza di fase ed in generale di ascolto del tutto differente;
4) avevo postato solo l' RT, ma gli altri parametri (T20-30, RT60 a terzi d' ottava ed ETC principalmente) non presentavano la stessa regolarità.

Ma sostanzialmente la differenza principale è il dettaglio e la fedeltà dell' ascolto, complice anche il cambio di speaker.


Minchia ma ti riproducono anche i 5 Hertz?

Magari :)


Pure perché mi ricordo che avevi un ascolto lineare pazzesco anche prima di metterti a rifare tutto.
Di' un po', hai resistito alla voglia di ritoccare qualcosa di mixato precedentemente ai lavori dopo averla riascoltata nel nuovo ambiente?...

Ho resistito per forza... i lavori di perfezionamento vanno avanti dall' estate 2013 :D
In ogni caso sì, attualmente la percezione è molto differente e "più reale", quindi non mi è particolamente difficile scovare difetti nei vecchi lavori. Chiaramente la cosa è in parte ****, ma in altra parte frustrante. Insomma... "la verità ti fa male lo so" :)

lordadb
28th February 2015, 11:52
Si, è esattamente il sentimento che intendevo. :)

Novalium
2nd April 2015, 17:12
Ispirato ho rifatto un po' di misure spostando una bass trap. A voi il risultato. Smoothing 1/48, Adam A7 + Adam Sub 8.

907

lordadb
2nd April 2015, 17:58
Niente male.

PAPEdROGA
3rd April 2015, 08:07
Dal grafico, a giudicare dalla regolarità di quel boost con successivo deep che si ripete nelle ottave superiori, sembrerebbe che ci sia una modale non trattata.
Per caso hai una parete non trattata? Magari la posteriore?

Novalium
3rd April 2015, 10:07
La parete anteriore non è trattata. D'altro canto una bass trap lì, che avevo, era poco efficace. Inoltre c'è una finestra che è l'unica fonte di luce naturale della stanza. Suggerimenti?

PAPEdROGA
3rd April 2015, 10:27
Il problema è che, ad occhio e non conoscendo affatto né la tua stanza né il trattamento fatto, quindi è solo un' ipotesi campata in aria, sembrerebbe che una modale (forse quella della lunghezza, vista la frequenza di partenza) sia stata lasciata "intatta" fino alla zona >150Hz. Lo capisci dall' andamento "a S", piuttosto regolare come "distanza" tra picchi e valli, che hai da poco sotto 30Hz e fino alle 3 ottave successive.
Ora, magari, con il tipo di zoom fatto, può non risultare particolarmente problematico, ma se zoomi un po' di più hai un' idea migliore della questione.
Se ti va, prova a ripostare il grafico impostando così la visualizzazione:

908

Suggerimenti...
per trattare una modale, in una zona così bassa, imho avresti bisogno di inserire delle trappole accordate in un paio di punti strategici.
Con le cosidette "bass traps", ovvero i soli pannelli di lana minerale, non riesci ad assorbire efficacemente così in basso.

Però...
puoi sempre provare la regina delle soluzioni in caso di instabilità delle basse: posizionare i monitor a ridosso della parete frontale.

Nel tuo caso, però, c'è di mezzo anche il sub. Bisognerebbe capire se non sia lui ad accentuare la problematica.
Non è improbabile, infatti, che il sub sia ora al centro di una lunghezza e stia quindi enfatizzando la modale di quella coppia di pareti.
In quel caso, prova a decentrarlo e vedi come va. Magari parti posizionando il sub sotto o cmq in zona di uno dei due monitor e ripeti l' analisi. Spesso sostituire il sub centrale con due sub "sotto" i monitor può aiutare ad avere un andamento più regolare in basso.

Novalium
3rd April 2015, 11:14
Diciamo che essendo la stanza abbastanza regolare su un +-5db non gli avevo dato molta importanza. Comunque, nel dettaglio, geometricamente la stanza rispetta sia il criterio di Bonello che è compresa nell'area di Bolt (5,1 x 3,3 x 2,32). Il soffitto è stato ribassato con un controsoffitto per raggiungere un'altezza consona a rispettare appunto Bolt, ed è fatto di pannelli fonoassorbenti. Ci sono 4 bass trap da 1,2x1,2, e 2 da 1,2 x 0,6 da 10 cm di lana di vetro 40kg/m2 + 10 cm di vuoto posizionate sulle pareti laterali e posteriori. Anche secondo Sabine sto a posto :asd i 4 angoli sono tutti chiusi e riempiti con lana di roccia 40kg/m2. Infine sulla parete posteriore ci sono due QRD 17.

Novalium
3rd April 2015, 11:21
Una foto che più o meno mostra la situazione :D 909

PAPEdROGA
3rd April 2015, 11:23
Ci sono 4 bass trap da 1,2x1,2, e 2 da 1,2 x 0,6 da 10 cm di lana di vetro 40kg/m2 + 10 cm di vuoto posizionate sulle pareti laterali e posteriori.

Esatto, questo è il problema.
Con solo questo tipo di trattamento le modali non riesci a toccarle.


Anche secondo Sabine sto a posto

Sabine non indica l' effettiva quantità di trattamento necessario, ma solo spannometricamente l' assorbimento necessario, in generale. Il che non ti da alcuna indicazione circa il trattamento necessario al variare della frequenza.
Per intenderci, potresti rientrare nei criteri di Sabine anche utilizzando solo del piramidale. Il che è tutto dire ;)


i 4 angoli sono tutti chiusi e riempiti con lana di roccia 40kg/m2

In che senso "chiusi"?


Diciamo che essendo la stanza abbastanza regolare su un +-5db non gli avevo dato molta importanza

Senza alcun dubbio questa è una questione del tutto personale. Se per te il risultato è ok, allora è ok e non ha nemmeno senso stare qui a rompere le scatole con le mie ipotesi ;)

Novalium
3rd April 2015, 11:34
- Intendevo che ho cercato di rispettare i criteri "classici" in termini di geometria (Bonello, Bolt) e di "quantitativi" d'assorbimento (Sabine).
- Come vedi dalla foto sopra, sono stati riempiti completamente con lana di roccia 40kg/m2 formando 4 minipareti da 0,6m per 2,32m.
- Il risultato mi soddisfa, sono sincero, ne vedo pochi di risultati così in giro ed ho fatto tutto da solo con dei costi decisamente contenuti. Però questo non significa che non mi interessi migliorare, sia per le orecchie, che, soprattutto, per imparare qualcosa di più quindi ogni consiglio è più che ben accetto!

PAPEdROGA
3rd April 2015, 11:34
Per capirci meglio:

ti consiglierei di optare per quel tipo di zoom perché, ad esempio, seguendo lo zoom dell' analisi che hai riportato, io avrei questo risultato...

910

...che, a vederlo così, sembrerebbe pressoché perfetto, invece io (che senza dubbio sono un fissato, quindi molto probabilmente non faccio testo) ci sto ancora lavorando.

Lavorare con analisi più dettagliate, che possano mostrarti il singolo dB, a mio parere ti restituisce un' immagine molto più veritiera ed utile.
Ad esempio, con quel tipo di analisi, credo ti salterebbe molto all' occhio l' attuale sbilanciamento tra zona media sui 500 e medio bassa sui 150, che per me ha una certa rilevanza.

Ma, ripeto, l' importanza data ai grafici di linearità dell' ascolto è del tutto soggettiva. Se per te è ok, se ti trovi bene, se ciò che fai funziona, allora è ok :)

Novalium
3rd April 2015, 11:46
Non posso zoomare che non sono a studio, appena vado lo faccio. Cosa si può pensare per questa modale o per linearizzare di più in gamma media?

PAPEdROGA
3rd April 2015, 11:48
Aggiungo (perché oggi i concetti mi vengono in mente a rate :acc: ) che il +/-5 in cui sei attualmente, che in linea teorica è considerato un buon risultato, nella realtà significa ad esempio che su una linea di basso avrai uno scalino di 10dB (ed a guardare il grafico direi anche qualcosina in più) tra una Fa (F1) ed un Si (B1).

Per questo, per me, ma è un parere del tutto personale, i criteri attuali secondo cui un +/-6 dB (magari anche con smoothing ampio) è un buon risultato sono da prendere abbastanza con le pinze.

Ma, ripeto, alla fine è tutto estremamente personale. In giro ci sono tecnici che fanno lavori spaziali dentro ambienti praticamente senza trattamento. Il fatto che per me abbia tutta questa importanza e che quindi mi metta a cercare ogni minimo difetto è solo una mia fisima, ne sono consapevole. ;)

Novalium
3rd April 2015, 11:52
Mi piacciono le fisime, vai avanti :D

PAPEdROGA
3rd April 2015, 11:52
Non posso zoomare che non sono a studio, appena vado lo faccio. Cosa si può pensare per questa modale o per linearizzare di più in gamma media?


Intanto si potrebbe capire cosa intendi per angoli "coperti".
Ovvero hai fatto i classici super chunk, quindi riempiendo l' angolo con lana minerale. E poi?

Riguardo la gamma media sui 500Hz, e valutando anche i comb che si vedono da 1k in su, i primi due responsabili che vengono subito in mente sono la zona tra te ed i monitor (quindi, principalmente e sostanzialmente, il desk e gli schermi) ed la grossa percentuale di perlinato.
Controlla anche l' RT60 (o il T30, con REW). Prova a controllare di non avere valori troppo alti sulle medie ed alte.

Novalium
3rd April 2015, 11:57
Esatto, sono 4 superchunk. In effetti la scrivania è molto grande. I monitor in teoria sono dietro le casse. Il perlinato può fare "danni"?

PAPEdROGA
3rd April 2015, 12:11
Esatto, sono 4 superchunk

Ok. Quindi non li hai coperti con del materiale che potrebbe diminuirne l' efficacia o renderli vani (come super chucnk), tipo legno, mdf, cartongesso, ecc. Perfetto.


In effetti la scrivania è molto grande

Se hai un paio di pannelli di lana avanzanti, quando hai tempo e voglia prova a poggiarli sulla scrivania e ripetere le analisi e controlla se la zona media ed alta si linearizza.


Il perlinato può fare "danni"?

Ahimé sì. Non pochi.

Comunque tornerei un attimo al discorso di partenza:
hai provato a fare un' analisi spostando il sub e piazzandolo sotto uno speaker?

Novalium
3rd April 2015, 12:19
- Superchunk hanno la lana "a vista". E' coperta solo da un telo di tnt per evitare spolveri.
- Vedo se ne è rimasta un po' e provo
- Proverò a fare delle analisi spostando il sub anche se mi viene da piangere visto che a sinistra ho il rack con tutti i pre, le schede audio e i cablaggi e a dx ho il pc e il gruppo di continuità

911

PAPEdROGA
3rd April 2015, 12:24
Il problema è che il centro di una coppia di pareti (nel tuo caso il centro della larghezza) è sempre la zona più problematica dove posizionare l' ascolto o gli speaker.
Se tu, come è probabile, ora hai il sub posizionato al centro della larghezza ec hai un' esaltazione delle problematiche dovute alle stazionarie di quella coppia di pareti.

Novalium
9th April 2015, 16:17
Questi sono i grafici con i parametri che mi hai suggerito.
Con sub:
913

A sub spento:
914

Ho provato a posizionare il sub sotto un monitor, il grafico che ne risulta è pressochè identico a quello con il sub centrale.

Novalium
15th April 2015, 11:44
. Mi rispondo da solo :D
Potrei provare a smussare il buco a 73 hz costruendo una bass trap a pannello vibrante accordandola. In giro vedo che tutti le fanno in compensato ma mi era venuto in mente che forse si potrebbe utilizzare una lastra di alluminio. Facendo due rapidi calcoli utilizzando la formula nota:
Frequenza di risonanza = 600 / sqrt(peso m2 x cm di profondità)
Se dovessi farla risuonare a 73hz mi servirebbe una lastra dal peso al m2 di 5 kg (una lastra di alluminio da 2mm di spessore ad esempio come si evince da questa tabella (http://www.comefimetalli.it/doc/lamiere.html) ) e una cavità di 13 cm, decisamente fattibile.
Che ne dite?
Oltre questo mi sono sempre fatto altre domande, ad esempio, le dimensioni contano? Cioè, se faccio una trappola da un metro quadro o da due metri quadri, cosa cambia? La quantità di decibel assorbiti? E non riesco a capire se la trappola vada sigillata oppure no immaginando di costruirla da questo esempio http://www.ethanwiner.com/BTPlans.gif.
Qualcuno c'ha mai provato?

PAPEdROGA
15th April 2015, 12:06
se faccio una trappola da un metro quadro o da due metri quadri, cosa cambia? La quantità di decibel assorbiti? E non riesco a capire se la trappola vada sigillata oppure no immaginando di costruirla da questo esempio

Sì, esatto, cambia l' efficienza, diciamo così.
Va sigillata.


Qualcuno c'ha mai provato?

Ho sperimentato esatammente quel sistema nel 2008, se non ricordo male.
Fatta come da schema, ovvero in legno, funziona. Facendola in metallo onestamente non saprei se sia ugualmente funzionale.
Certo vanno ben studiate, specie il loro posizionamento, e per interventi massicci temo che un paio di trappole di quel tipo facciano davvero pochino. Ma c'è di positivo che il costo di materiale e realizzazione è piuttosto basso e non è particolarmente complesso :)

Novalium
15th April 2015, 12:12
Nella mia situazione limare anche 3/4 decibel linearizzerebbe decisamente una valle. Penso che proverò. Avevo letto di gente che le aveva fatte in metallo ma non riesco a ritrovare il 3d, qualcuno se lo ricorda?

PAPEdROGA
15th April 2015, 12:27
Forse parli dei sistemi VPR ( https://www.gearslutz.com/board/studio-building-acoustics/666681-any-diy-vpr-absorbers-out-there-yet.html )

Per limare 3 / 4dB con quel sistema, un paio di trappole ben posizionate e ben tarate potrebbero andare.

Novalium
15th April 2015, 12:31
Forse parli dei sistemi VPR ( https://www.gearslutz.com/board/studio-building-acoustics/666681-any-diy-vpr-absorbers-out-there-yet.html )

Per limare 3 / 4dB con quel sistema, un paio di trappole ben posizionate e ben tarate potrebbero andare.

Sei un dio era proprio quello che cercavo!!!!

PAPEdROGA
15th April 2015, 12:35
:birra:

Novalium
15th April 2015, 14:11
Un'altra domanda, la "rigid fiberglass" della figura è una lana di vetro ad alta densità? Un 70 kg/m3?

PAPEdROGA
15th April 2015, 14:35
Non ricordo quale viene consigliata lì, ma per esperienza ti consiglierei di stare più basso con la densità.
Già 40 non è poco, se parliamo di lana di vetro.

Novalium
16th April 2015, 15:19
Sì ma c'è anche il fattore tenuta: la roccia 40kg/m3 non sta dritta e neppure la vetro 15kg/m3. Vetro 40 o roccia 70 si confanno più al concetto di "rigido" :D

PAPEdROGA
16th April 2015, 15:43
Sì, vetro 40. Parlavi di vetro 70...

Novalium
16th April 2015, 15:48
In effetti vetro 70 sarebbe quasi come metterci un muro dentro :D

Novalium
22nd April 2015, 23:56
Oggi mi sono cimentato nella costruzione di una bass trap a pannello flessibile :D
La trappola volevo puntarla attorno ai 70 hz dove ho un paio di modali "ignoranti" come si evince sia dal calcolo dei modi appunto che dal riscontro microfonico con REW per farlo ho seguito questa formula:

Frequenza di risonanza = 600 / sqrt(peso m2 x cm di profondità) reperita in varie fonti online.

Le due variabili fondamentali sono la massa al metro quadro del pannello flessibile e la profondità della trappola. Ho scelto un pannello d'alluminio su di una struttura in legno di abete. Pesando la lastra dall'alluminio da due millimetri di spessore 5,5 kg/m2 per sostituzione con una profondità di 12 cm ottengo 73,8 hz che è una buona approssimazione anche perchè la Q sarà allargata dalla presenza di un pannello in lana di vetro fissato all'interno.
Detto questo di seguito un po' di foto:

Questa è la cornice di supporto, con una tavola d'abete di 200 x 50 x 1,8 dal costo di 21 € si possono ricavare due strutture così. Negli angoli ci sono dei tasselli sempre d'abete questi serviranno per reggere successivamente la lana di vetro.
http://imageshack.com/a/img905/7889/pnaaAh.jpg

In questa immagine invece c'è la parte posteriore della struttura che ho chiuso con una tavola di compensato da 0,6 mm. Con un 15 € me ne hanno fatte due.
http://imageshack.com/a/img673/7995/5BYBRt.jpg

Qui invece è la parte interna dopo la posa della lana di vetro, la parte più difficile del processo perchè volevo fare in modo che non toccasse né il fondo né il pannello di alluminio. Essendo la lana un po' bassa in densità (dovrebbe essere sui 20/25 ma non siamo riusciti a capirlo dal fornitore) ho faticato non poco per farla stare dritta ma ci sono riuscito :D. Costo per due pannelli 9 €, mi hanno un po' spellato dato che non c'era il mio commesso di fiducia ma visto che erano solo un paio di pannelli non ho fatto storie.

http://imageshack.com/a/img673/1153/Ufhjm1.jpg

Qua c'è la trappola finita dopo la posa del pannello di alluminio. Il pannello è fissato con del silicone e con delle viti. Ogni fessura nella struttura è stata sigillata con il silicone. Un lastra di alluminio con cui ricavare 4 pannelli da montare tagliata su misura mi è costata 75 €, neanche 20 € a pannello. Ecco il risultato:

http://imageshack.com/a/img661/7265/e6xcJy.jpg

http://imageshack.com/a/img673/605/q8z512.jpg

Momentaneamente sta in posa affinchè il silicone tiri per bene domani proverò a misurarne l'effettiva efficacia in maniera da decidere se farne un'altra uguale o se magari ho sbagliato qualcosa :asd
Vi tengo informati :D

Novalium
23rd April 2015, 15:50
Prime misure, nell'immagine la differenza tra prima e dopo, nessuno smoothing:

http://i.imgur.com/UKpsrfD.jpg

Come si può notare con l'utilizzo della trappola ho rosicchiato circa un decibel a 68hz e circa un paio a 84hz limitando il picco valle da 9,5 db senza trappola a 6,4db con la trappola. Inoltre la valle a 145hz si è attutita di 5db e il picco a 125 di 1db circa. Direi che la risposta è in linea con le previsioni :D
Detto questo devo dire che l'efficacia della trappola varia al variare del suo posizionamento. Il punto dove è più efficace è la parete laterale opposta allo speaker, seguita, in termini di efficacia dall'angolo posteriore opposto. Pochissima efficacia ho riscontrato posizionando la trap sulla parete frontale.
Che ne pensate?

Novalium
23rd April 2015, 17:29
Dopo la posa della seconda trap, è ancora più chiaro l'assorbimento attorno agli 80hz (qualcosa più in alto di quello che avevo calcolato, 74hz) e una maggior linearità anche un po' più in alto.

Verde NO TRAP
Viola UNA TRAP
Rosso DUE TRAP

Sempre immagine no smoothing.
http://i.imgur.com/8nrUDyh.jpg

PAPEdROGA
23rd April 2015, 18:56
Bene.
Ora però, se vuoi avere un' idea più precisa della modifica apportata dalle trappole, dovresti controllare le differenze nei tempi di riverberazione (in terzi d' ottava) prima e dopo il montaggio delle trappole, del decay e dell' ETC.
E soprattutto... ricordati di non lasciare la piastra metallica a vista. Opta sempre per una copertura anteriore in lana, per evitare di avere più danni che benefici.

Novalium
23rd April 2015, 21:05
Aspetta, aspetta, qui mi sa che devi essere molto più chiaro. Come faccio le altre misure? Cos'è questa storia della lana? di roccia? di vetro? Di pecora? Come, dove, perché?

PAPEdROGA
23rd April 2015, 21:53
Lana minerale. Vetro o roccia poco importa, purché non abbia densità troppo alta. Messa in modo da coprire il metallo, ma chiaramente non a diretto contatto, altrimenti rischia di smorzarne la vibrazione.

Le altre analisi le trovi nelle altre finestre di RoomEq.

Novalium
23rd April 2015, 22:10
Come mai questo accorgimento? Negli esempi che ho trovato non se ne fa mai menzione. Anche a livello costruttivo comincia a diventare complicato, devo fare una ulteriore cornice, ma dubito che una lana a bassa densità mi rimanga dritta. Se l'appoggiassi su di un ulteriore pannello di compensato tanto per farla stare dritta potrebbe funzionare?

PAPEdROGA
23rd April 2015, 22:58
Perché così hai aggiunto un paio di specchi in regia...
Ok il miglioramento in gamma bassa, ma in gamma media ed alta, con un materiale simile ed in quei punti, al 99,9% fai più danni che altro. La lana minerale davanti ti serve per assorbire medie ed alte e lasciar passare le basse. In questo modo il pannello lavora dove deve lavorare e non riflette medie ed alte.

SaMe
24th April 2015, 10:31
Per mantenere la lana, al posto del compensato non ti converrebbe dell'MDF a bassa densitá?
Piú poroso e meno risonante del legno

Inviato dal mio GT-S5660 con Tapatalk 2

Novalium
24th April 2015, 18:52
Mi è venuta un'idea, potrei usare due pannelli del controsoffitto acustico, le dimensioni sono perfette ed il materiale ha coefficienti simili alle lane. A questo punto però potrei anche optare per fare una ulteriore camera d'aria tra il pannellino e la lastra metallica, sigillando ulteriormente tutto. Può essere un'idea?

Novalium
27th April 2015, 15:41
Gli IR filtered 63, 125, 250 hz

http://i.imgur.com/gy5tMhW.jpg

http://i.imgur.com/tqHXzwl.jpg

http://i.imgur.com/mjxBA3z.jpg

DottMac
27th April 2015, 21:04
Pape parlava anche dell'RT ;)
comunque, bel lavoro!

PAPEdROGA
27th April 2015, 21:26
1s è un po troppo. 200ms dovrebbero essere sufficienti.

Novalium
27th April 2015, 22:31
Ho implementato una trappola a membrana montando davanti due pannelli del controsoffitto in fibra che mi erano avanzati e poi della lana minerale e c'è stato un netto ulteriore miglioramento. Domani finisco la seconda e poi posto altre misure. Dimenticavo, un pannello in lana minerale sul tavolo ha radicalmente migliorato la risposta sulle medio alte.

Novalium
29th April 2015, 12:10
Le misure dell'IR e l'RT60
Qui mi serve davvero aiuto per interpretarle. :D

63,125,250,500,nofilter

63 http://i.imgur.com/YU0Pywv.jpg
125 http://i.imgur.com/7caat2J.jpg
250 http://i.imgur.com/s2tDci4.jpg
500http://i.imgur.com/6qO3h9v.jpg
nofilter http://i.imgur.com/zTp16e0.jpg
RT60http://i.imgur.com/1ImmAMc.jpg

Novalium
29th April 2015, 12:21
Correggo, qui le misure ad 1/3 d'ottava

63 http://i.imgur.com/b7BKCgZ.jpg
125 http://i.imgur.com/ihr7An0.jpg
250 http://i.imgur.com/F9rrujB.jpg
500http://i.imgur.com/dTB4qhy.jpg
RT60http://i.imgur.com/1ImmAMc.jpg

DottMac
30th April 2015, 07:21
nel grafico dell' RT c'è anche: RT60, RT30 e RT20, ma hai cancelato la legenda.. :D
...poi, a me sembra che abbia uno zoom un pò strano...

Novalium
30th April 2015, 19:30
Oggi mi sono dedicato a cercare di eliminare l'imponente avvallamento a 135 hz circa. Ho usato sempre due pannelli vibranti in alluminio. Secondo la solita formula per individuare la frequenza di risonanza bisogna dividere 600 per la radice quadrata del prodotto tra il peso al metro quadro del materiale utilizzato e la profondità in cm del supporto. Nel mio caso la frequenza da far risuonare è 135 hz, avendo due lastre di alluminio da 5,5 kg/m2 ho costruito una struttura da 4 cm. 600/ sqrt(5,5x4) = 127,9 hz , direi una buona approssimazione. Di seguito i risultati visivi:

Prima della posa delle trappole.
http://i.imgur.com/C0GM8Bt.jpg

Con una trappola non coperta da lana di vetro.
http://i.imgur.com/LerHsAp.jpg

Con una trappola coperta da lana di vetro.
http://i.imgur.com/ODu6W0L.jpg

Con due trappole coperte da lana di vetro.
http://i.imgur.com/2Lnip9c.jpg

qui un'animazione gif da vero sboroncello :D
http://i.imgur.com/ztUvhEu.gif

Direi che il risultato è davvero ottimo: la differenza tra picco e valle nella zona incriminata si è ridotta da 18db a meno di 9db e pure la zona attorno si è linearizzata :D

Qui di seguito la misura da 20hz a 20 khz

[img]http://i.imgur.com/EL1IQTS.jpg[/img

Novalium
30th April 2015, 19:35
Qui il grafico dell'RT 60.Quello precedente era un po' strano :D

http://i.imgur.com/zNOU6YE.jpg

Edi
20th June 2015, 14:13
Mi permettete una domanda? Perchè nel grafico dell'RT60 ci sono i T30, T20 e non i T60? Sto sbagliando qualcosa? :D

MRK_LAB
21st August 2015, 18:24
Ragazzi , sono in procinto di progettare anche io alcuni LMA e cercando materiali alternativi da utilizzare come membrana mi sono imbattuto in questo testo
http://www.academia.edu/11757955/ACUSTICA_DEGLI_SPAZI_PER_PRODUZIONE_MUSICALE_Parte _I_Acustica_di_base_
vengono citate le membrane bituminose , per intenderci quelle che si usano in edilizia per impermeabilizzare.
Qualcuno di voi ha tentato un approccio di questo tipo ?

Novalium
30th March 2016, 12:16
Anche in questo caso uppo :D
Volevo sperimentare un po' con gli hangers e vedo che PAPEdROGA ha già avuto esperienza specifica. Ho un intero controsoffitto da sfruttare a questo scopo, 3,5 x 5,3 x 0,65 , il mio problema è che non trovo da nessuna parte come calcolare le dimensioni degli hangers né con che materiali realizzarli. O meglio, devo fare riferimento al peso specifico come nel caso del pannelli vibranti oppure ci sono altri parametri da considerare? Le uniche informazioni che ho trovato le avete già indicate qui e vengono dal sito di Sayers, dove genericamente si dice che un hanger 1,8 x 0,50 agisce in basso e uno 1,2 x 0,3 in mediobasso , l'unico parallelo che posso fare è con la lunghezza d'onda da trattare nel solito rapporto dove l'efficacia comincia con dimensioni paragonabili ad un quarto della lunghezza d'onda della frequenza da trattare. Ma per ora sono solo ipotesi. Niente si dice a proposito della massa e della profondità del pannello, come se fosse relativamente ininfluente in questo caso.
Qualcuno oltre a Pape ha esperienza in materia? Il buon Hank mi ha sempre incoraggiato verso questa soluzione ma anche lui non ha dati "sperimentati" in materia.
C'è qualcun'altro che si è cimentato nella costruzione di questo tipo di assorbitori?

PAPEdROGA
30th March 2016, 19:06
Anche io non sono riuscito a trovare particolari dati teorici circa gli hangers.
Per esperienza posso solo dirti che maggiore sono peso del pannello di legno e dimensioni, maggiore è il lavoro in basso.
Al tempo stesso, però, ad un alto peso del legno può corrispondere un minor lavoro del pannello.

Oltre questo, il comportamento sul resto dello spettro non sempre risulta facile da controllare. Per quella che è la mia esperienza, la riflessione dovuta al legno può a volte "togliere più di quanto dia"... nel senso che magari migliori qualcosina in zona bassa ma crei problemi da altre parti.
Da quello che ho notato (ma, ripeto, è solo la mia limitata esperienza), l' utilizzo migliore è in punti piuttosto distanti dalla fonte sonora, che diventano quasi ininfluenti come "ritorno" del segnale nella zona di ascolto, come ad esempio nel backwall se si ha una buona lunghezza.

Ad esempio, nel mio caso ne ho utilizzate non poche. Sono 20 in totale, di cui 7 frontali e 13 posteriori... ma ne avevo realizzato un' altra decina che ho poi preferito togliere.
Le 7 frontali lavorano benissimo in basso (ma sono comunque solo una parte del trattamento, che va a sommarsi a sistemi accordati), ma ho faticato non poco per trovare la giusta combinazione che non comportasse problemi nella zona medio bassa.
Le 13 sul retro, invece, sono semplicemente "magiche". Ogni hanger che aggiungi hai un piccolo miglioramento nell' RTA. Aggiungi un pannello e vedi le basse linearizzarsi, ed il resto dello spettro rimane invariato. Ma sono ad oltre 5 metri dal punto d' ascolto per circa 70 cm di profondità... se fossero state più vicine non so se avrebbero reagito nello stesso modo.

In conclusione, posso dirti che come contro c'è che è un sistema un po' particolare e complesso da gestire, ma ha come pro il fatto di poter essere molto efficace utilizzando spessori che con molti altri sistemi risulterebbero quasi inutili. Parliamo solitamente di pannelli da 10 - 12 cm di spessore... immagina ad esempio quanto poco fai in basso con un pannello di 10cm di lana... ;)

Novalium
2nd April 2016, 14:33
Starei anch'io a oltre 5 metri se occupo la parte posteriore del controsoffitto. Un dubbio che ho è la direzione dei pannelli, perpendicolari o paralleli al lato lungo considerando che le casse stanno sul lato corto? Oppure in entrambi i sensi?

PAPEdROGA
2nd April 2016, 16:13
Paralleli alla tua schiena.

Novalium
3rd April 2016, 17:24
La stanza è così:

1291

1292

Questo è il modello Sketchup https://drive.google.com/file/d/0B5oAR2KTDJstekkzYTM0NS1xeXM/view?usp=sharing