PDA

Visualizza Versione Completa : +/- Quanti dibbì?



Hank
22nd December 2013, 17:41
Segnalo un 3d che ho trovato su GS diverso tempo fa che potrebbe essere un po' un fulmine a ciel sereno per alcuni appassionati di acustica qua dentro.(come lo fu per me all'epoca in cui lo trovai)
E' una discussione tra "big" progettisti acustici e produttori di sistemi acustici,considerati tra i migliori al mondo.La discussione verte sulla linearità a progetto finito delle top rooms.
Quindi si parla solo di risposta in frequenza e non di ETC,RT....ecc.

Ci sono un po' tutti,Ethan Winer,Rod Gervais,Glenn Kuras,Jens Eklund,e ovviamente Thomas Jouanjean di cui stiamo parlando ultimamente,più altri utenti.

http://www.gearslutz.com/board/studio-building-acoustics/610400-best-mix-room-planet.html

Purtroppo è tutto in inglese.

Io per adesso mi limito a tradurre un post di Thomas(in origine su prosoundweb) che viene richiamato nella discussione da un altro utente.

http://www.gearslutz.com/board/6634953-post55.html

"
Originally Posted by Thomas Jouanjean Fri, 09 July 2010 10:00 ProSoundWeb

Honestly the internet has created somekind of alternate reality in this field of Audio. People expect ruler flat graphs with perfect ETCs, perfect speakers. I see so many guys on forums completely disconnected from reality. And so many "gurus" with literally no real-life experience (and I mean "0") but 1000s of posts filled with technical non-sense that sounds good.

Recently, I read a claim on a forum from a guy within the industry that said some rooms could be within 1.5dB.

What do you do with statements like these?

Semi-anechoic and anechoic rooms I've worked in or visited can't claim such a response. Unless you use DSP correction (*cough*) and even then I have serious doubts, no way you can reach that. 1 reflection and you're out. 1! And seeing how bass behaves and how difficult it is to fully contain 60Hz... And the sheer amount of materials needed...

So there is a big need at one point to put things in perspective again and cut the crap.[/rant off]

So, to come back to the subject - you'd be very surprised by the response of some very respected 'old' rooms for example. And by all means they are GREAT rooms. But what you would see would probably be quite a bit different from what you'd expect...

They are good because engineers do great mixes in them that translate.

So the question is, why do they translate and what is the REAL relevant information in the measurements? I can tell you they're not ruler flat, sometimes far from it. So what makes them great?

There's your homework

Every time we travel to a new place we try and visit some of the studios in the area / region. Talk with engineers. Get them to give us their true opinions about it all. If we can we'll measure and try to see what type of correlation we have between what we see on the computer and what we are told by users.

ETC, ISD, Waterfalls... Sure they're important. But what makes a great room? I can tell you: 'flat' rooms are boring. If you can get a room to be within 10/12 dB you're there - and it's already hell difficult to get there (you wouldn't believe the damage a console or workstation desk does for example). The closer you get to *perfection* the more, in my experience, they become dull and lifeless.

Psychoacoustic territory is where things happen these days. A bass trap is a bass trap. How do we make it interesting for the Mix Engineer? Maybe there is something about the way the hearing process functions that we are overlooking?

One question I asked myself when I started was this: how do the speakers "see the room" and how does the engineer "perceives" it? How do we react to different types of environments / How does the listening environment influences our perception of sound?"

"

Trad:

"Onestamente internet ha crato una sorta di realtà alternativa in questo campo dell'audio.La gente si aspetta grafici con righe perfettamente dritte,ETC perfetti,speaker perfetti.Vedo così tante persone nei forum completamente disconnesse dalla realtà.E così tanti "guru" con nessuna esperienza di vita reale (e intendo proprio ZERO) ma con migliaia di posts pieni di non-sense tecnici che però suonano bene a leggerli.

Recentemente ho letto una dichiarazione di uno del settore che diceva che in una stanza puoi stare entro una tolleranza di 1,5.

Che ci fai con affermazioni del genere?

Stanze anecoiche e semi-anecoiche in cui ho lavorato o che ho visitato non possono vantare una risposta del genere.A meno che tu non usi una correzione digitale DSP (cough) e anche li ho dubbi seri.Non ci puoi arrivare.Una riflessione e sei fuori.UNA!.E vedendo come i bassi si comportano e come sia difficile contenere pienamente i 60hz....e la quantità di materiali necessari...

Quindi c'è la necessità ad un certo punto di riportare le cose in prospettiva e darci un taglio.

Quindi,tornando in argomento,rimarreste davvero sorpresi se vedeste il grafico delle "vecchie" room molto rispettate.E sono stanze FANTASTICHE.Ma quello che vedreste sarebbe un attimo diverso da quello che vi aspettereste.

Sono buone perchè i mixing engineer ci fanno dentro grandi mix che poi traslano.

Quindi,la domanda è,perchè traslano e quali sono le REALI rilevanti informazioni nei grafici?Io posso dirvi che non sono righe dritte flat,a volte siamo invece piuttosto lontani.Quindi cos'è che le rende veramente grandi?

Ogni volta che ci rechiamo in una zona nuova,andiamo a visitare alcuni degli studios nella regione.Parliamo coi tecnici che ci lavorano.Cerchiamo di farci dire che cosa ne pensano davvero.Se ce lo fanno fare,misuriamo.E poi cerchiamo quali siano le correlazioni tra quello che i tecnici ci dicono e quello che vediamo sullo schermo.

ETC,ISD,Waterfalls...certo sono importanti.Ma cos'è che rende grande una stanza?Posso dirvi questo:le stanze FLAT sono noiose.
Se riuscite ad arrivare a una stanza che sia entro 10-12db,ci siete.Ed è già tremendamente difficile arrivarci.Non credereste ai danni che può creare una console o una workstation,per esempio.Più vi avvicinate alla *perfezione* e più,nella mia esperienza,diventano insipide e senza vita.

Oggi le partite si giocano nel campo psicoacustico.Una bass trap è una bass trap.Come rendiamo questo interessante per un mix engineer e il suo lavoro?Magari c'è qualche aspetto del processo uditivo che stiamo trascurando?

Una delle cose che mi son chiesto quando ho cominciato(a sviluppare la FTB,ndt)è questa:
Come viene vista la stanza dagli speaker?E come invece viene percepita dal tecnico?

Come percepiamo alcuni ambienti?In che modo l'ambiente influenza la nostra percezione uditiva?"

Gibert5
22nd December 2013, 20:18
niente...
adesso s'è innamorato di Thomas!

chi sarà il prossimo?
comunque siam tutti d'accordo...e stiam sempre parlando 10-12dB di scarto!!vuol dire un bel ±6dB di risposta in freq. :D
mica giuggiole!

Mr. Red
23rd December 2013, 11:00
Ad ogni modo, a parte l'ossessione per le linee piatte e soprattutto le gare di pesce a chi ce l'hai più piatta, ormai ci sono un sacco di dyiers che hanno degli studi con risposte ottime e magari quel db in meno su quella frequenza su cui non dormono la notte è solo una miniusura della capsula del mic di misura rispetto a quando è stata calibrata..... :asd
Comunque thomas porta anche acqua al suo mulino ma c'è da dire che l'ipertrattamento può facilmente diventare una chimera-ossessione..... :asd

Lattugo
24th December 2013, 11:19
Stiamo entrando nel lato oscuro della percezione/compensazione...
:D

Silve
24th December 2013, 12:07
Basta avere l'ultimo "plaghin dellircam studios" e la stanza trattata non è più necessaria