• Schertler A-Dyn: Microfono a contatto hi-end

    Schertler A-Dyn: Microfono a contatto hi-end

    by Published on 12th April 2015 14:27
    Chi si occupa di live lo sa: in molti casi non ci si può approcciare a strumenti acustici particolari come lo si farebbe in studio, soprattutto se sullo stesso palco ci sono un batterista e un bassista e i livelli dei monitor (o anche del PA esterno) sono molto alti.
    In studio poi ci sono dei task particolari che alle volte richiedono un approccio più sperimentale, o semplicemente un modo diverso di concepire la ripresa di uno strumento.

    In questi casi un microfono a contatto è quello che ci serve.
    Sul mercato ce ne stanno parecchi, di brand più o meno famosi, tra questi Schertler è uno di quei marchi che ha più di altri catturato l'attenzione di molta gente che necessita di questo tipo di trasduttori.

    Schertler A-Dyn microfono a contatto

    L'A-Dyn è un microfono a contatto dinamico, contrariamente a molti altri microfoni a contatto, per lo più piezoelettrici o a condensatore.
    Questo significa che il microfono ha un impedenza sufficientemente bassa per essere collegato direttamente a qualsiasi ingresso microfonico, senza l'ausilio di DI box esterne o di preamp dedicati (e conseguente alimentazione phantom).
    Un grosso vantaggio per chi si muove sempre è non vuole portarsi dietro più roba del dovuto e non vuole avere a che fare con batterie scariche durante i concerti.

    Il microfono presenta una costruzione molto robusta, anche il connettore lo è, il mio unico appunto va al cavo che, probabilmente per una questione di ingombro e praticità, è un po' sottile per un uso "hardcore", ma supponendo di usarlo in situazioni pressochè statiche, ciò non dovrebbe costituire un grosso problema.

    Parlando di suono, come tutti i microfoni di questo tipo, molto dipende da dove esso viene piazzato.
    Come mi è stato spiegato dall'ottimo Francesco Passarelli di Schertler Boutique, che mi ha gentilmente fornito microfono e preamp, il sweet spot corrisponde quasi sempre a un "punto morto" dello strumento, ovvero i punti in cui lo strumento "vibra meno".
    Sembra un paradosso, eppure questo accorgimento evita di ritrovarsi a scavare con l'EQ zone di pressione elevata, perlopiù situate in gamma bassa/mediobassa.

    Con mia grande sorpresa ho scoperto che l'A-dyn è talmente versatile da suonare da entrambe i lati!
    Eh si, anche montando il microfono al contrario si ottengono risultati ottimi, e la differenza è palese.
    Montando il microfono dal lato corretto, in generale si ottiene un suono caldo e rotondo, tipico di un microfono dinamico.
    Montandolo al rovescio, lo chassis esterno funge da "filtro" e riduce la presenza in gamma bassa, restituendo un suono più brillante e controllato in gamma bassa.

    Come corredo è possibile affiancare a questo trasduttore un preamp (facoltativo), l'A-Pre, che aggiunge fino a 16 dB di boost con un controllo di gain a tre step, l'inversione di fase e un HPF.
    Inutile dire che in situazioni in cui si lavora con strumenti che generano una scarsa pressione sonora diventa un salvavita che porta il rapporto segnale/rumore a livelli eccellenti.

    Schertler A-Dyn microfono a contatto

    Una volta presa confidenza con questo piccolo grande trasduttore si possono esplorare scenari più sperimentali.
    Per il sound design l'A-dyn diventa un compagno insostituibile.
    Lo si può attaccare praticamente a tutto.
    Ogni cosa può diventare uno strumento e può produrre suoni che non saremmo in grado di riprendere con dei microfoni tradizionali, in tal senso basta osservare qualche video del grande Diego Stocco per farsi un'idea, anche lui utilizza molto i microfoni di questo genere, e se vogliamo citare un nome storico, che ha sonorizzato moltissimi capolavori come non chiamare in causa Ben Burtt che ha realizzato i suoni dei laser in Star Wars con una lunga molla al termine della quale vi era situato un trasduttore a contatto.

    Detto questo vi lascio a questo breve video che dimostra le potenzialità di questo microfono!

    https://youtu.be/gwspTcxfsXc

    Conclusioni:
    Lo Schertler A-Dyn, punta di diamante del produttore elvetico, non è un microfono a contatto per tutti, il prezzo non è per tutte le tasche, ma sicuramente rappresenta il top, per quanto mi riguarda, nella sua categoria.
    Dopo varie esperienze con microfoni a contatto di tutti i tipi, su strumenti di tutti i tipi, posso affermare con assoluta certezza che il gioco vale la candela e alla fine costa solo poco poco di più della sua famosa controparte austriaca con tutto l'ambaradan che serve (alimentatore phantom o a batterie acquistabili separatamente, ma necessari) e il non aver bisogno di phantom lo rende molto più versatile e pronto all'uso.
    Consigliato a chi ha molti strumenti acustici convenzionali e non, da amplificare sul palco o a chi vuole sperimentare cose nuove.
    Schertler ha inoltre in catalogo anche trasduttori più economici (come il dyn-C) che sono più appetibili a chi ha meno disponibilità economica.
    Per ulteriori informazioni potete visitare la pagina facebook di Schertler Boutique

    Comments 5 Comments
    1. les2 -
      Grazie Joe
    1. lordadb -
      Bello!
    1. les2 -
      guarda, più che bello direi bravo, mi sembra più calzante
    1. lordadb -
      Ma non è un bravo articolo...
    1. MHL -
      Citazione Originariamente Scritto da les2 Visualizza Messaggio
      guarda, più che bello direi bravo, mi sembra più calzante
      aspetta di vederlo con la maglietta di peppa pig e cambierai idea