Risultati da 1 a 6 di 6
  1. Eroe del forum (Admin) L'avatar di lordadb
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Località
    Roma
    Messaggi
    6,652
    Ringraziamenti
    2,245
    24th May 2014,  12:17
    1

    Drum overhead nel mix: come e perchè.


    Ciao a tutti.
    Su tutte quante, le tracce registrate dai microfoni "sopra la testa" del batterista, sono quelle più soggette a controverse variazioni di trattamento a seconda del genere, del brano, del tecnico, della giornata di sole o di quella più piovosa.
    Insomma, ognuno ha il suo approccio (che dipende ovviamente anche dalla qualità della ripresa), anche quando si tratta di batterie virtuali.
    Un po' di argomenti da condividere:

    - Vi capita di tenere viva la cassa sugli OH (anche dovendo lottare con le fasi) o piazzate un HPF lasciando che sia il close mic della cassa a fare tutto il lavoro lì in basso?

    - Quanto OH c'è nel vostro suono di rullante?

    - A seconda del genere, quanto, come e perché applicate una certa compressione? O magari perchè non lo fate mai?

    - Vi ritrovate spesso ad allineare gli overhead, magari rispetto al rullo?

    - Che tipo di supporto cercate per l'intero set di batteria quando lavorate di eq sugli OH? Cercate solo di isolare i piatti e/o di ottenere brillantezza e "realismo" o sono le medie frequenze che cercate? O soltanto coerenza e colla tra gli elementi della batteria?

    Discutiamone un po'.
    Ultima modifica di lordadb; 24th May 2014 alle 12:28

  2. 32 kHz (mono) L'avatar di Novalium
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Località
    Perugia
    Messaggi
    417
    Ringraziamenti
    161
    24th May 2014,  12:27
    2

    - Meno cassa possibile negli OH. HPF ma non estremo, in zona fondamentale del rullante.
    - Direi a volte anche il 40/50%. Centro il suono degli OH sul rullante come se dovesse suonare solo da lì poi aggiusto i microfoni close di conseguenza.
    - Comprimo gli OH solo in casi particolari, mancanza di microfoni close sui tom/timpani ad esempio oppure per smussare piatti troppi invadenti.
    - Non spessissimo ma a volte succede.
    - Cerco un suono di batteria che sia già il più equilibrato possibile escludendo la cassa.

  3. Eroe del forum (Admin) L'avatar di lordadb
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Località
    Roma
    Messaggi
    6,652
    Ringraziamenti
    2,245
    26th May 2014,  23:51
    3

    Grazie Novalium.
    Per tutti gli altri, up?

  4. 27th May 2014,  06:50
    4

    Per me dipende...nel senso che bisogna capire che funzione affidi agli OH. Se fai un genere che privilegia le riprese close, probabilmente li userai solo per i piatti, se fai jazz li userai per avere una "panoramica" dello strumento e sono protagonisti, in certi generi parte del suono dei fusti lo fai uscire dagli OH... Ma bisogna partire da un presupposto: come.suonano e come sono ripresi? Se gli oh son piazzati bene ci puoi fare di tutto, viceversa avrai problemi di fase tra l&r o tra uno dei canali e le riprese close, oppure troppi piatti e pochi fusti, buchi al centro ecc... Tutte cose che poi in mix si possono sistemare alla meno peggio, ma richiedono un sacco di lavoro in piú, e si potrebbe esser costretti a cercare il compromesso.
    Comunque sia, l'unica cosa certa é l'hpf, a meno che gli OH non siano gli unici mic per tutto il set, tra 80 e 250 hz (in relazione all'uso) un hpf é standard.

    Saluti da Stoccarda!

    mandata pre-fader dall'accatticcì uàn
    Giuseppe Novella
    Live, Mixing & Recording Engineer

  5. 32 kHz (mono) L'avatar di Novalium
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Località
    Perugia
    Messaggi
    417
    Ringraziamenti
    161
    27th May 2014,  10:08
    5

    Dimenticavo una cosa, in registrazione preferisco se possibile dei condensatori a diaframma largo e tendenzialmente uso sempre microfoni close per HitHat e Ride.

  6. 27th May 2014,  10:48
    6

    A me invece, che amo i suoni tamarrucci, piacciono gli SDM che hanno una risposta al transiente piú rapida, questo peró é dettato fortemente da tendenze personali, gli LDC tendono ad essere più morbidi e cicci...ma la verità é che indipendentemente dal fatto che siano LDC o SDC, microfoni diversi restituiscono risultati diversi, quindi il consiglio di base é quello di provare tutte le combinazioni che si posseggono e scegliere a proprio gusto.

    mandata pre-fader dall'accatticcì uàn
    Giuseppe Novella
    Live, Mixing & Recording Engineer

Tag per Questa Discussione