Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 65
  1. 32 kHz L'avatar di Lattugo
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    612
    Ringraziamenti
    144
    19th November 2015,  23:24
    1

    Restauro chitarra Hofner club 40

    Breve cronistoria: un giorno, ormai tanto tempo fa un nostro vicino di casa, cliente di mio padre peraltro, siccome gli avevo fatto un paio di cortesie si presentò con una custodia in mano e mi disse: "per ringraziarti vorrei tu avessi questa: era in soffitta da tempo immemore, te la lascio volentieri".

    Dentro la custodia ci trovo con grande sorpresa una chitarra Hofner Club40, probabilmente dei tardi anni '50, trasformata a... basso.
    A quei tempi si facevano accrocchi... strani. Alla chitarra è stato cambiato il ponte, ha un capotasto a 4 vie e sono state tolte due meccaniche (quelle centrali) dalla paletta per trasformarla in un improbabile basso a scala cortissima.

    Monta ancora un set di corte lisce che più vintage di così...

    CIMG3136.jpg

    Il modello è abbastanza famoso, anche perché in una delle prime foto di John Lennon "da musicista" tiene in braccio proprio quella.

    Lennon_hofner club 40.jpg

    Bene: oggi dopo tanto tempo ho deciso di restaurarla, e riportarla ovviamente alla sua funzione originale.

    C'è un sito che commercializza parti di Hofner che vende direi tutto quello che mi serve, ma ci vuole pure l'intervento di un liutaio esperto (che ha già visto lo strumento).

    Cosa mi serve: vorrei ripristinare battipenna e staffa (furono rimossi probabilmente quando fu trasformata a basso), sei meccaniche (quelle che piacciono a me ovviamente son le più costose), un ponte a sei sellette (già che ci siamo, regolabile).

    Il nuovo capotasto verrà fatto su misura dal liutaio.

    Il quale liutaio mi consiglia caldamente di rifare i tasti. Il manico è dritto come una spada, e la chitarra a liuteria è messa bene, però i tasti risentono del suo utilizzo... bassistico. Questa sarà probabilmente la spesa più grossa, in quanto l'ebano della tastiera è il più impegnativo da ritastare, per via delle microscheggiature che si creano durante la lavorazione, e che il liutaio deve sistemare una ad una.

    Siccome voglio fare il restauro tenendo un occhio al portafogli, qui chiedo il vostro aiuto: ho smontato e pulito il pannello selettore, gli switch e il pot volume funzionano, ma credo sarebbe meglio sostituire i componenti elettronici. Anche perché quando si attiva il boost delle alte si sente una discreta ronza.

    Potreste voi esperti aiutarmi per il reperimento delle componenti da cambiare?

    Anzitutto c'è un condensatore da 0.047 microFarad, 125 Volts (e qui ci arrivo pure io).



    Attaccato in serie al quale c'è un salsicciotto con stampato "8.2 - K5" che non ho idea di cosa sia:

    CIMG3145.jpg

    In più, c'è un altro componente marrone (senza elica e timone) con su scritto "2.2nM" che ignoro cosa sia.

    CIMG3149.jpg

    Dulcis in fundo, un paio di resistenze, di valore mi pare diverso (vedi foto).

    CIMG3153.jpg

    Forse le resistenze son le più difficili da identificare? Val la pena, in ogni caso, di cambiarle?

    Io son bovino, se mi date indicazioni vado dallo spacciatore di materiale elettronico, acquisto e saldo.

    Almeno sarebbe lavoro risparmiato al liutaio, inoltre così potrei verificare se la ronza è dovuta ai componenti anziani, prima di ordinare un nuovo pannello (cosa che non vorrei fare, anche perché quello disponibile è di un altro colore), ed eventualmente del pickup.

    Grazie in anticipo a chi vorrà dare un contributo ed ai lettori, il thread comunque sarà aggiornato con gli sviluppi del restauro!

    Lat.

  2. 32 kHz L'avatar di The_Hypnotoad
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Località
    Veneto Orientale
    Messaggi
    701
    Ringraziamenti
    99
    19th November 2015,  23:37
    2

    per le resistenze dovresti salvarti col codice dei colori che a quanto ricordo non è mai cambiato nel tempo, ci sono alcuni siti in giro per il web con le tabelle per decifrare le resistenze.

    il salsicciotto 8.2 potrebbe essere una resistenza ma non posso confermare, non assomiglia ad un condensatore..

    il componente marrone mi è oscuro...

    A.
    All Glory to the Hypnotoad!
    il blog del Chitarraio Matto!
    ..ah! beato ti che te se mona e no te capisse un c.a.z.z.o. (anonimo, saggezza popolare)

  3. 32 kHz L'avatar di Lattugo
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    612
    Ringraziamenti
    144
    19th November 2015,  23:47
    3

    Grazie, ipno!

    Quello che mi cruccia è che le resistenze son su da sessant'anni, magari i colori si leggon un po' a cavolo.

    Aspetto qualcuno che si intenda di salsicciotti e componenti marroni!

    Fatevi avanti, so che ci siete...

    Lat.

  4. Supermod Brasilienji L'avatar di eumir
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Località
    Salerno
    Messaggi
    2,609
    Ringraziamenti
    430
    20th November 2015,  08:39
    4

    aspettando l'esperto di salsicciotti mi chiedo e ti chiedo: sai quanto può incidere su un restauro fare mettere al liutaio mano anche sulla parte elettronica? perchè probabilmente lui ti chiederebbe poco di più e potrebbe fare un lavoro a regola d'arte

    cioè capisco le esigenze di effettuare questo lavoro in economia e non metto in dubbio le tue capacità "saldanti", ma secondo me in ottica di restauro di uno strumento uno o fa tutto da se o si affida ad un professionista; il tuo intervento "potrebbe ostacolare il lavoro del tuo liutaio" parafrasando un vecchio spot

    per il resto complimenti per la chitarra che DEVE tornare all sua form originaria anche perchè così è un basso che non ha senso e a lungo andare la tensione delle corde può incurvare il manico... anzi sei già fortunato che sia perfetto

  5. 32 kHz L'avatar di Lattugo
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    612
    Ringraziamenti
    144
    20th November 2015,  08:49
    5

    Ciao Eumir,

    in realtà è anche per "partecipare attivamente" al restauro per quello che posso fare io.

    L'intervento sulla carta è facile, lo farei di comune accordo con il liutaio ma solo se non ho dubbi sui componenti da utilizzare, altrimenti lo lascio fare a lui in laboratorio dopo che avrà fatto la parte liuteristica, visto che il suono andrà testato quando sarà di nuovo una chitarra, prima ha poco senso.

    Il manico non ha risentito, ma probabilmente nessuno ha tirato le corde da trenta o quarant'anni.

    Lat.

  6. Supermod Brasilienji L'avatar di eumir
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Località
    Salerno
    Messaggi
    2,609
    Ringraziamenti
    430
    20th November 2015,  09:02
    6

    dicevo solo che a volte il gioco può non valere la candela, perchè certe lavorazioni possono incidere poco sul prezzo finale..sul fatto che uno può divertirsi non ci sono dubbi.. perciò parlavo che una delle soluzioni potrebbe essere fare tutto in proprio (tranne la ritastatura che richiede strumenti, metodi che non sono da tutti)

    Citazione Originariamente Scritto da Lattugo Visualizza Messaggio
    Il manico non ha risentito, ma probabilmente nessuno ha tirato le corde da trenta o quarant'anni.
    oppure hanno avuto il buon senso di usare un accordatura non troppo tesa quando la usavano... rispettando gli intervalli tra le corde

  7. 32 kHz L'avatar di Lattugo
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    612
    Ringraziamenti
    144
    20th November 2015,  09:18
    7

    Esatto,

    in pratica farei io tutto tranne la ritastatura, la costruzione del capotasto ed il setting.
    Ogni intervento sarebbe però concordato prima col liutaio.

    Se ho dei dubbi sull'elettronica lascio la palla a lui anche in quello, perché bisogna valutare alla fine come suona.
    Gli switch vanno, (e il pot del volume incredibilmente non gracchia) ma l'elettronica qualcosa di strano lo fa. C'è un selettore "rhythm/solo" (la chitarra ha un solo pick up), e due booster per alti e bassi.

    Boostando gli alti parte una ronza, mentre agendo su uno degli altri due la differenza di volume che vien fuori è notevole, e secondo me non è normale.

    Ergo, direi che è meglio recappare e vedere come si comporta dopo.

    Lat.

  8. 32 kHz L'avatar di The_Hypnotoad
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Località
    Veneto Orientale
    Messaggi
    701
    Ringraziamenti
    99
    20th November 2015,  09:49
    8

    lattugo,

    dimenticanza di ieri, se hai un tester, le resistenze le puoi misurare così non devi incasinarti coi colori..

    A.
    All Glory to the Hypnotoad!
    il blog del Chitarraio Matto!
    ..ah! beato ti che te se mona e no te capisse un c.a.z.z.o. (anonimo, saggezza popolare)

  9. 32 kHz L'avatar di Lattugo
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    612
    Ringraziamenti
    144
    20th November 2015,  10:02
    9

    Citazione Originariamente Scritto da The_Hypnotoad Visualizza Messaggio
    lattugo,

    dimenticanza di ieri, se hai un tester, le resistenze le puoi misurare così non devi incasinarti coi colori..

    A.
    Sì, grazie, infatti ci avevo pensato.

    Non dovrebbe essere nemmeno necessario scollegarle per la misurazione, o sbaglio?

    Lat.

  10. 32 kHz L'avatar di The_Hypnotoad
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Località
    Veneto Orientale
    Messaggi
    701
    Ringraziamenti
    99
    20th November 2015,  10:07
    10

    @Lattugo; esattamentos, puoi lasciare collegato e vedi che valore ti dà

    A.
    All Glory to the Hypnotoad!
    il blog del Chitarraio Matto!
    ..ah! beato ti che te se mona e no te capisse un c.a.z.z.o. (anonimo, saggezza popolare)

  11. I seguenti utenti ringraziano The_Hypnotoad per questo utile post:

    + Show/Hide list of the thanked

    Lattugo (20th November 2015)

  12. quotato Adminkia L'avatar di Cracker
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    3,243
    Ringraziamenti
    656
    21st November 2015,  01:40
    11

    Stavo facendo le mie ipotesi sulle resistenze, quando ho pensato di cercare lo schema





    Entrambi si riferiscono alla Club50, ma sono leggermente diversi. Vedi tu dal circuito a quale corrisponde.
    Comunque informazioni sulla 50 se ne trovano abbastanza.

    La resistenza da 270K si legge abbastanza bene, nell'altra fatico ad identificare il primo colore...
    Di sicuro, se la banda più larga è di color argento, sono resistenze a carbone con tolleranza 10%


    Citazione Originariamente Scritto da Lattugo Visualizza Messaggio
    Non dovrebbe essere nemmeno necessario scollegarle per la misurazione, o sbaglio?
    Ni, nel senso che dipende anche da cos'altro c'è collegato ai capi della resistenza.
    In questo caso, non dovrebbe essere un problema.

    Comunque anche le resistenze invecchiano, e considerando che la chitarra è quasi tua coetanea, il tester potrebbe non essere un test affidabile.

    D'altra parte, vista anche la tolleranza così alta, non dovrebbe essere un gran dramma
    Cracker

  13. I seguenti utenti ringraziano Cracker per questo utile post:

    + Show/Hide list of the thanked

    Lattugo (21st November 2015)

  14. 32 kHz L'avatar di Lattugo
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    612
    Ringraziamenti
    144
    21st November 2015,  02:01
    12

    A parte le irrispettose considerazioni sulla mia età per le quali dovresti provare rimorso da solo senza bisogno che te lo faccia notare io, sei un grande.

    Mi confronto col liutaio e con lo spacciatore di componenti, schema alla mano.

    Grazie.

    Lat.

  15. 44,1 kHz (16bit) L'avatar di MHL
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Località
    Lucca
    Messaggi
    1,791
    Ringraziamenti
    444
    21st November 2015,  10:44
    13

    Citazione Originariamente Scritto da Lattugo Visualizza Messaggio
    Attaccato in serie al quale c'è un salsicciotto con stampato "8.2 - K5" che non ho idea di cosa sia:
    Sembra banalmente una resistenza e dalle scritte si direbbe da 8.2Kohm 5%
    Però una resistenza marcata con le scritte invece del codice a colori mi mette qualche dubbio
    Hai un tester per fare delle misure?
    se sì prova a misurare con la funziona Ohm il salsicciotto, se è una resistenza ti darà un valore vicino agli 8Kohm, se invece fosse un'induttanza il valore misurato dal tester sarebbe molto basso (pochi ohm), e a quel punto supporrei un valore di 8.2microHenry

    Citazione Originariamente Scritto da Lattugo Visualizza Messaggio
    In più, c'è un altro componente marrone (senza elica e timone) con su scritto "2.2nM" che ignoro cosa sia.
    questa è decisamente più ostica, ci fosse stato scritto 2.2nH non avrei avuto dubbi ma nM è la prima volta che lo vedo, comunque questo l'aspetto di una biccola bobinetta ce l'ha,

    Le resistenze dell'ultima foto invece sono le più facili da individuare
    una è sicuramente 270Kohm (rosso-viola-giallo)
    l'altra non riesco a vedere bene il colore della prima riga, mi sembra un blu, se è così allora il valore è 620Kohm (blu-rosso-giallo)
    ricorda che l'ultima riga del codice è il moltiplicatore x10 mentre la striscia finale all'estremo opposto è il codice di precisione (in questo caso mi sembra oro = 5%), ad ogni modo nel dubbio sul valore con il solito tester ti puoi fare la misura (una volta scollegata dal reso).
    Inoltre così a occhio direi che si trattino di resistenze ad impasto di carbone, per questo utilizzo penso che possano essere preferibili a quelle a strato metallico perché per costruzione hanno meno effetti induttivi.

    EDIT:
    azz! ho risposto di fretta senza leggere tutti gli interventi successivi ed Eumir aveva già risolto ogni dilemma con lo schema
    Ultima modifica di MHL; 21st November 2015 alle 10:46
    Musica Habet Logica

  16. I seguenti utenti ringraziano MHL per questo utile post:

    + Show/Hide list of the thanked

    Lattugo (21st November 2015)

  17. Supermod Brasilienji L'avatar di eumir
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Località
    Salerno
    Messaggi
    2,609
    Ringraziamenti
    430
    21st November 2015,  11:09
    14

    Citazione Originariamente Scritto da MHL Visualizza Messaggio
    ed Eumir aveva già risolto ogni dilemma con lo schema
    no...diamo a Cracker quel che è di Cracker
    per me se c'erano i disegni dei graffiti delle grotte di Lascaux era uguale

  18. I seguenti utenti ringraziano eumir per questo utile post:

    + Show/Hide list of the thanked

    The_Hypnotoad (21st November 2015)

  19. 44,1 kHz (16bit) L'avatar di MHL
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Località
    Lucca
    Messaggi
    1,791
    Ringraziamenti
    444
    21st November 2015,  11:29
    15

    Hai ragione, lo schema l'aveva postato Cracker, stamani sono proprio cecato, tra l'altro avevo visto l'oro dove invece c'era solo l'argento
    comunque Lattugo le resistenze ce le puoi mettere tranquillamente al 5% che tanto quelle al 10% mi sa che non le fanno nemmeno più
    Musica Habet Logica

  20. 32 kHz L'avatar di Lattugo
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    612
    Ringraziamenti
    144
    21st November 2015,  17:53
    16

    Allora,

    anzitutto grazie infinite a tutti.

    Rimane giusto un dubbio sul barilotto siglato "2.2 nM". Mi chiedo se possa essere il condensatore da 22 nF citato nello schema della club50 (che ha due pickup), cercherò di approfondire.

    Nell'attesa, ho girato un breve video di come suona adesso questo strano coso (o meglio di come non suona perché le corde praticamente non vibrano, da quanto son vecchie e rovinate).

    Anche il setting lascia a moooolto desiderare, lo strumento è fuori ottava, e oltretutto il bassista è un disastro.

    Però dai, ci stava un videino a memoria di come era e come è stato parecchie decadi, prima di cominciare col restauro.

    Enjoy:


  21. quotato Adminkia L'avatar di Cracker
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    3,243
    Ringraziamenti
    656
    21st November 2015,  18:02
    17

    Quell'oggetto da 2.2 nM lascia perplesso anche me, sia per la sigla che per la forma.


    Inviato dal mio aifón sics usando Topatalk
    Cracker

  22. quotato Adminkia L'avatar di Cracker
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    3,243
    Ringraziamenti
    656
    21st November 2015,  18:44
    18

    Citazione Originariamente Scritto da Lattugo Visualizza Messaggio
    Rimane giusto un dubbio sul barilotto siglato "2.2 nM". Mi chiedo se possa essere il condensatore da 22 nF citato nello schema della club50
    Beccato.

    Grazie agli amici del gruppo Facebook "Elettronica applicata", dovrebbe trattarsi proprio di un condensatore ceramico a tubetto.
    2.2 nF e tolleranza "M", cioè 20%.

    Ecco una carrellata di condensatori ceramici Vintage, in nostro è tipo il secondo
    Cracker

  23. I seguenti utenti ringraziano Cracker per questo utile post:

    + Show/Hide list of the thanked

    Lattugo (21st November 2015)

  24. 32 kHz L'avatar di Lattugo
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    612
    Ringraziamenti
    144
    21st November 2015,  19:46
    19

    Grandissimo, grazie!

    Lat.

  25. 44,1 kHz (16bit) L'avatar di MHL
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Località
    Lucca
    Messaggi
    1,791
    Ringraziamenti
    444
    21st November 2015,  23:03
    20

    Citazione Originariamente Scritto da Cracker Visualizza Messaggio
    2.2 nF e tolleranza "M", cioè 20%.
    Ma certo, come ho fatto a non pensarci!
    I ceramici a montaggio tradizionale riportavano spesso una sigla del genere, tipo gli onnipresenti 100nF con scritto 104K, solo che sigle esplicite tipo 2.2n non le avevo mai trovate accanto al codice di tolleranza in quel modo, come anche i condensatori ceramici a tubetto non li avevo mai visti.
    Musica Habet Logica

  26. I seguenti utenti ringraziano MHL per questo utile post:

    + Show/Hide list of the thanked

    Lattugo (21st November 2015)

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima