Risultati da 1 a 6 di 6
  1. 8 kHz (mono)
    Data Registrazione
    Sep 2018
    Località
    vicenza
    Messaggi
    1
    Ringraziamenti
    0
    7th September 2018,  18:43
    1

    Red face Ableton o pianoforte?

    Salve,
    spero di aver azzeccato la pagina giusta per fare questa domanda!
    Vorrei iniziare a fare qualche base in modo da cantarci sopra, però non so se mi convenga fare un buon corso di music production o di pianoforte.
    Mi spiego meglio, io voglio cantare fondamentalmente, quindi non so se mi convenga fare pianoforte, in modo da poter cantare e suonare nei locali, o buttarmi su programmi tipo Ableton e smanettare per fare qualche base, facendo un genere che mi piace di più..perchè alla fine con Ableton posso inserirci più strumenti, effetti.. bassi, mentre il pianoforte sempre quello è..!

    Aiuto non so più dove sbattere la testa

    Grazie a tutti
    Ultima modifica di vale.dna; 7th September 2018 alle 18:52

  2. 44,1 kHz (24bit) L'avatar di MRK_LAB
    Data Registrazione
    Dec 2014
    Località
    Valadas Occitanas
    Messaggi
    2,818
    Ringraziamenti
    717
    7th September 2018,  18:54
    2

    Citazione Originariamente Scritto da vale.dna Visualizza Messaggio
    fare pianoforte, in modo da poter cantare e suonare nei locali, o buttarmi su programmi tipo Ableton e smanettare per fare qualche base
    Consiglio spassionato....chiarisciti le idee.
    Non è cattiveria eh , è solo x metterti in guardia , in entrambi i casi il "risultato" nn è immediato e la strada di avvicinamento è lunga , tortuosa e a pagamento !

  3. 32 kHz
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Località
    a casa mia
    Messaggi
    849
    Ringraziamenti
    333
    7th September 2018,  19:09
    3

    Conviene pagare una persona che faccia le basi

    Si tratta di competenze complementari tra loro, pertanto è bene avere delle competenze in entrambe le cose (conoscenza di un qualche strumento musicale e competenze di "music production")... poi, in un secondo momento, penso sia inevitabile specializzarsi in una direzione (e qui sono scelte personali, in base alle proprie attitudini).

    Dipende da quello che vuoi fare (che genere di musica, con che tipo di sonorità, come vuoi eventualmente portarla live, ecc).
    Io un po' di pianoforte lo consiglierei a prescindere, però:
    - imparare a suonare il piano richiede tanto tanto tempo
    - andrebbe affiancato allo studio della teoria musicale (solfeggio), come si dovrebbe fare in un corso serio
    - la teoria musicale che ti insegna a comporre, però, è un'altra cosa rispetto allo studio del piano (quantomeno col piano classico, con altri metodi non saprei.

    Per quel che riguarda il software musicale, puoi imparare i rudimenti con i tutorial in rete (e approfondire in un secondo momento); per uno strumento sarebbe bene incominciare con un docente, che ti faccia prendere da subito le abitudini corrette per la pratica strumentale (ad esempio come mettere le mani sul pianoforte), perché poi diventano dei gesti istintivi... se ti abitui a fare le cose in modo sbagliato, poi è molto più difficile correggersi (e le cose che all'apparenza all'inizio possono non fare alcuna differenza, con l'avanzare degli studi ti possono creare difficoltà oppure agevolarti)...


    Non per scoraggiarti, però ti direi di chiarirti bene le idee su cosa vuoi fare e quali sono le tue priorità.
    Considera che sia che si tratti di uno strumento come il pianoforte che di fare produzione musicale, sono settori molto vasti e che richiedono molto tempo per portare a casa risultati "seri". Se la tua priorità è il canto (visto che affermi di volerti fare le basi per cantare), valuta la possibilità di acquisire le competenze di produzione musicale e pratica strumentale sufficienti per abbozzare le tue idee, per poi rifinirle con l'aiuto di collaboratori specializzati.


    Opinioni personali, eh.
    Buona musica e sotto con lo studio!
    Il rispetto si costruisce solo insieme.

  4. I seguenti utenti ringraziano sin night per questo utile post:

    + Show/Hide list of the thanked

    MRK_LAB (7th September 2018)

  5. 44,1 kHz (16bit) L'avatar di classic
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Località
    COMO
    Messaggi
    1,042
    Ringraziamenti
    326
    7th September 2018,  23:01
    4

    Diciamo che per fare piano bar la cosa essenziale è avere una bel timbro di voce (o un timbro caratteristico), interpretazione e possibilmente tecnica. Insomma io darei la precedenza a quello che è già il 90% del risultato.
    Poi cura l'attrezzatura per un ottimo risultato sonoro.
    Per quanto riguarda l'accompagnamento per noi musicisti vedere finti tastieristi che in realtà fanno suonare le basi è un po una presa per i fondelli. Ma questo per noi che ce ne intendiamo e a quel punto preferiamo piuttosto un karaoke vero e proprio e basta. Però se sai suonare almeno un po chitarra o piano puoi almeno fare il minimo sindacale e almeno qualche brano farlo unplugged senza basi che è sempre bello e personale. Oppure trovi un compagno che suona e magari fa i cori che credo sia la soluzione migliore.

    Inviato dal mio GT-I9515 utilizzando Tapatalk

  6. 44,1 kHz (24bit) L'avatar di SaMe
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Località
    Avellino
    Messaggi
    2,253
    Ringraziamenti
    327
    8th September 2018,  11:32
    5

    Io ti consiglierei di imparare tutto in parallelo.

    Parti con lezioni di piano in maniera da iniziare un percorso formativo anche sulla teoria e sull'arrangiamento e quando inizi a capire come funzionano le cose puoi iniziare con Ableton e crescere come studio dei due strumenti. Questo dopo un certo periodo ti permetterebbe di diventare un interprete dei brani che vai ad eseguire reinterpretandoli alla tua maniera e non soltanto l'ennesimo cantante che fa karaoke.

    Questo ovviamente se vuoi fare le cose fatte per bene altrimenti esistono tante basi già belle ed utilizzabili.

    NB il post non ha intento critico e non ho nulla contro chi canta senza interpretazione personale, rispondo solo alla tua domanda
    homo faber ipsius fortunae

  7. Eroe del forum (Admin) L'avatar di lordadb
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Località
    Roma
    Messaggi
    6,595
    Ringraziamenti
    2,208
    11th September 2018,  07:53
    6

    Citazione Originariamente Scritto da SaMe Visualizza Messaggio
    Io ti consiglierei di imparare tutto in parallelo.

    Parti con lezioni di piano in maniera da iniziare un percorso formativo anche sulla teoria e sull'arrangiamento e quando inizi a capire come funzionano le cose puoi iniziare con Ableton e crescere come studio dei due strumenti. Questo dopo un certo periodo ti permetterebbe di diventare un interprete dei brani che vai ad eseguire reinterpretandoli alla tua maniera e non soltanto l'ennesimo cantante che fa karaoke.

    Questo ovviamente se vuoi fare le cose fatte per bene altrimenti esistono tante basi già belle ed utilizzabili.

    NB il post non ha intento critico e non ho nulla contro chi canta senza interpretazione personale, rispondo solo alla tua domanda
    Quoto in toto.
    Tutto ciò mi ricorda la mia "infanzia". Facevo pianobar, ma quello vero del termine: avevo un piano a coda in questo locale, quindi suonavo e cantavo. In seguito ho aggiunto le basi mutando le tracce midi che potevo sostituire io col piano dal vivo. Però suono il piano da quando avevo 4 anni, quindi non sono un esempio calzante e a me, all'"epoca", risultava tutto facile.

    Poi ho cominciato ad introdurre la chitarra acustica, alternando così piano e chitarra e creandomi delle basi su Live che controllavo con una pedaliera MIDI (la Midibuddy). Divertimento puro, ma anche tanta stanchezza!

  8. I seguenti utenti ringraziano lordadb per questo utile post:

    + Show/Hide list of the thanked

    classic (12th September 2018)